direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

In corso fino al 2 novembre la quarta campagna in Artico di nave Alliance

MARINA MILITARE

Partita da Tromsø l’unità polivalente di ricerca che svilupperà numerose attività a Sud e Occidente delle Isole Svalbard e dello Stretto di Fram

OSLO – È partita dal porto norvegese di Tromsø, alla volta dell’Oceano Artico, la campagna High North19 della nave Alliance, unità polivalente di ricerca idro-oceanografica della Nato con equipaggio della Marina militare italiana.

L’attività è parte del programma pluriennale di ricerca in Artico della Marina Militare High North 2017-2019 coordinata e condotta dall’Istituto Idrografico della Marina, con la partecipazione dei diversi enti di ricerca nazionale e internazionale quali Nato STO-CMRE, JRC – Centro di Ricerca dell’Unione Europea, Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico (ENEA), l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (OGS), European Research Institute (ERI) e industria (e-GEOS). High North19, quarta campagna artica di Geofisica marina, vedrà quest’anno come obiettivo principale la continuità temporale nell’osservazione ambientale, il mantenimento osservativo, la manutenzione di sistemi di acquisizione annuali quali i mooring S1 e ID2 oltre alla raccolta di nuovi dati, dall’atmosfera al fondale marino in rapporto ai ghiacci. In particolare dal 2014 i siti S1 e ID2 fanno parte della rete internazionale di osservazione delle Svalbard, SIOS – Svalbard Integrated Arctic Earth Observing System grazie al contributo di CNR, OGS, Marina Militare – Istituto Idrografico della Marina. Le attività – segnala la nota della Marina militare – si svilupperanno nel settore marino a Sud e Occidente delle Isole Svalbard e lo Stretto di Fram con l’esplorazione dei fondali e l’acquisizione di dati nella colonna d’acqua e in atmosfera a integrazione delle attività condotte nelle precedenti campagne. Sarà rivolta particolare attenzione al supporto della navigazione in ambienti estremi e tra i ghiacci con ARNACOSKY (Arctic Navigation with CosmoSKYMed), progetto di ricerca congiunto tra e-geos e IIM.

Lo sviluppo tecnologico e satellitare in ambienti estremi, in particolare, sono elemento cardine delle attività del programma High North, in linea con la recente crescita sostenuta dalle potenzialità operative e dal grande interesse rivolto ai settori polari.

Nave Alliance rientrerà in porto a Tromso il prossimo 1° novembre per concludere, il giorno successivo, la campagna High North 2019. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform/a> | Designed by ComunicazioneInform