direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il sottosegretario Bobba sul decreto legislativo di revisione del sistema approvato dal Consiglio dei Ministri

ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE

La pari dignità nel conseguire l’obbligo di istruzione e la possibilità di ottenere qualifiche e diplomi nell’intero sistema consente di creare le condizioni per un più ampio accesso ai diritti formativi in tutto il territorio nazionale”

 

ROMA – Il Consiglio dei Ministri ha approvato in esame definitivo il decreto sulla “revisione dei percorsi dell’istruzione professionale, nel rispetto dell’articolo 117 della Costituzione, e il raccordo con i percorsi dell’istruzione e formazione professionale”.

“Sono particolarmente soddisfatto del cammino svolto finora e di questo importante traguardo raggiunto, che sottolinea il rilievo dei primi risultati ottenuti con la sperimentazione del Sistema Duale, mediante il  coinvolgimento delle istituzioni scolastiche e delle agenzie formative”, ha commentato il sottosegretario al Lavoro e alle Politiche Sociali Luigi Bobba che ha la delega specifica sulla materia. Il provvedimento supera la sovrapposizione tra istruzione professionale e istruzione tecnica, attraverso il rafforzamento dell’identità dell’istruzione professionale, prevedendo indirizzi di studio ispirati a un moderno concetto di occupabilità , riferito ad ampie aree di attività economiche e non a singoli mestieri.

Il sottosegretario Bobba ha proseguito e ha posto in rilievo quanto il decreto “rappresenti altresì un ulteriore importante passo nel processo di fattiva collaborazione che si è voluto costruire in questi anni tra i dicasteri del Lavoro e dell’Istruzione, ulteriormente consolidato dall’avvio della cabina di regia per la gestione congiunta delle tematiche relative all’alternanza e all’apprendistato formativo”.

Con la definitiva approvazione de decreto si supera anche la sovrapposizione dei percorsi dell’istruzione professionale con quelli di formazione professionale (IeFP) di competenza delle Regioni, prevedendo il raccordo tra l’istruzione professionale e le istituzioni formative in modo stabile e strutturato. Il testo legislativo riconosce alle scuole la possibilità di ampliare l’offerta formativa anche attraverso la realizzazione di percorsi di qualifica professionale, purché previsti dalla programmazione regionale. Sono potenziati gli indirizzi di studio quinquennali dell’istruzione professionale, attraverso l’incremento delle ore di laboratorio e si prevede la presenza, su tutto il territorio nazionale, di un sistema unitario e articolato di “Scuole professionali”.

“La pari dignità nel conseguire l’obbligo di istruzione e la possibilità di ottenere qualifiche e diplomi nell’intero sistema – ha concluso Bobba –  consente di creare le condizioni per un più ampio accesso ai diritti formativi in tutto il territorio nazionale, fornendo maggiori opportunità ai ragazzi e alle ragazze. Anche il Sistema Duale, costruito  con i provvedimenti attuativi del Jobs Act, attraverso la stabilizzazione dello stanziamento di 25 milioni l’anno prevista dal decreto, potrà trovare un incisivo rilancio ed entrare definitivamente a regime”. (Inform)

Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes