direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il segretario generale dell’Usef sulla Consulta regionale dell’emigrazione

ASSOCIAZIONI

In vista della Conferenza di giovani italiani nel mondo (Palermo, 16 -19 aprile 2019)

Salvatore Augello chiede un incontro alle istituzioni regionali per ribadire l’urgenza dell’insediamento dell’organismo

 

PALERMO – In vista della Conferenza di giovani italiani nel mondo, che si svolgerà a Palermo dal 16 al 19 aprile 2019 insieme all’assemblea plenaria del Consiglio generale degli italiani all’estero (Cgie), il segretario generale dell’Usef (Unione siciliana emigrati e famiglie) Salvatore Augello segnala di aver chiesto un incontro con l’assessore della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro della Regione Sicilia, Maria Ippolito.

“Non si può arrivare ad un doppio appuntamento di questa portata, senza avere le carte in regole come Regione nei confronti dei siciliani all’estero – scrive Augello, che ha chiesto l’incontro per evidenziare in primis l’urgenza di procedere alla nomina della Consulta regionale per l’emigrazione e l’immigrazione e la necessità di una “politica regionale che si occupi degli oltre 800.000 siciliani residenti all’estero ed in possesso di cittadinanza, senza parlare dei milioni di oriundi che guardano alla loro terra d’origine con rinnovato amore e passione”.

Il segretario generale ricorda come la Sicilia sia stata la prima regione a “dotarsi di una legge per gli emigrati e di una Consulta per potere seguire e monitorare il fenomeno” e si propone di sollecitare le istituzioni regionali a procedere con l’insediamento dell’organismo. L’incontro è stato inoltre richiesto per “capire cosa pensa la Regione dei propri corregionali emigrati” e “quale politica intenda sviluppare per venire incontro alle esigenze di tanti giovani che guardano alla terra dei loro genitori in cerca delle proprie radici”. Augello auspica dunque che sia possibile “in sede di variazione di bilancio, inserire i fondi necessari a riunire ed insediare la Consulta regionale dell’emigrazione e dell’immigrazione”, ribadendo che non si possa arrivare “ad un importante evento come a quello previsto per il prossimo aprile, facendoci trovare senza una Consulta” o senza una legge per i siciliani all’estero “che offra spiragli di interesse a questi giovani che saranno chiamati a dibattere e a confrontarsi su una problematica sempre più di attualità, che negli ultimi anni è caduta nel dimenticatoio della politica, proprio in una di quelle regioni da dove maggiore è stato e torna ad essere il flusso migratorio sia in entrata che in uscita”. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes