direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il presidente Musumeci incontra un gruppo di Arba Sicula e le Associazioni dell’emigrazione

SICILIA

Di Salvatore Augello (Usef) 

 

PALERMO – Un indiscusso amore per la sua terra, il desiderio di diffondere la cultura, le tradizioni, il dialetto, i costumi della Sicilia, la volontà non solo tutta letteraria di fare conosce, tramandare e  rilanciare il dialetto siciliano, parte indiscutibile della cultura.

Queste sono le leve che hanno mosso e continuano a muovere l’azione del Professore Gaetano Cipolla, professore emerito della St. Johns’s University.

Uomo dalle mille risorse, fondatore della rivista “Arba Sicula” (Alba Siciliana), della collana “I poeti di Arba Sicula”, Studi Sicilia. Ha tradotto parecchi autori tra i quali G. Meli, A. Veneziano, Nino Martoglio, Provenzano, ed altri.

La sua unica passione la Sicilia che ha visto i suoi natali in quel di Francavilla di Sicilia, dove è rimasto fino al 1955 quando decise di emigrare in America.

Questo il personaggio che il 5 giugno è stato ricevuto dal Presidente della Regione Nello Musumeci, unitamente al gruppo di professionisti e non siculo americani, che ogni anno il Prof. Cipolla organizza, al fine di allargare la sfera di persone che conoscono la Sicilia.

L’appuntamento, preso dal presidente del COES Avv. Antonio Giovenco, è stato fissato per le ore 13,00 orario quando la nutrita delegazione si è ritrovata presso la saletta d’attesa a piano terra accanto alla portineria. Nella delegazione, anche al fine di parlare più in generale dei Siciliani all’estero, sono stati coinvolti rappresentanti del Coordinamento delle Associazioni Regionali dell’Emigrazione (CARSE), di recente costituzione, che oltre all’Avv. Giovenco, era rappresentato da Salvatore Augello e Gaetano Calà rispettivamente presidente e vice presidente del coordinamento.

E’ stato compito dell’Avv. Giovenco, presentare al Presidente Musumeci gli ospiti  ed il loro capogruppo, Prof. Cipolla, ringraziando il Presidente per avere ricevuto la delegazione dimostrando sensibilità verso i Siciliani all’estero, oggi più che mai, visto che sono ritornati a ripercorrere le strade dell’emigrazione.

Il Prof. Cipolla, nel suo breve indirizzo di saluto, ricorda altri incontri avuti con il Presidente in America in occasione di sue passate visite quando rivestiva altre cariche istituzionali.

Anche Cipolla ringrazia il presidente e parla brevemente del suo amore per la terra natia e della missione che assieme alle oltre mille e quattrocento famiglie associate,  persegue l’associazione “Arba Sicula”.

Nelle parole del Presidente, che già conosceva l’ospite per averlo incontrato a New York, c’è il riconoscimento del fatto che l’emigrazione rappresenta un grande risorsa con la quale non bisogna perdere i contatti. A questo, viene sottolineato,  pensano da sempre le associazioni presenti nel CARSE e tutta la rete associativa sparsa per il mondo. Viene avanzata anche la necessità di rilanciare una politica in direzione dei siciliani all’estero, cosa della quale il Presidente si impegna a trattare con tutti i particolari del caso in un incontro con i rappresentanti del CARSE che verrà programmata a breve, anche per discutere di una prossima visita dell’On. Musumeci negli Stati Uniti.

Finiti i discorsi, necessariamente brevi per gli impegni del Presidente inseguito da continui appuntamenti e da problematiche diverse,  si passa allo scambio degli immancabili regali tra il Prof Cipolla che regala un cd di foto dove dice esserci anche una foto del Presidente della regione ed un numero della rivista “Arba Sicula”.

Il Presidente da parte sua, regala all’ospite l’immancabile gagliardetto della Sicilia, oltre alla medaglia della Trinacria chiusa in cofanetto, a ricordo del gradito incontro.

A chiudere l’incontro, la foto di gruppo che gli ospiti terranno come trofeo a ricordo dell’evento, che potrebbe rappresentare uno spiraglio attraverso il quale si vada ad introdurre una nuova politica che riguardi i siciliani all’estero e che denoti il ritorno della volontà politica nei confronti di una categoria di cittadini, che già in passato hanno dato un grosso contributo allo sviluppo dell’Isola e che ancora oggi, possono aiutare la Sicilia a costruire un nuovo modello di sviluppo. (Salvatore Augello*/Inform)

*Presidente Usef-Unione Siciliana Emigrati e Famiglie

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes