direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il presidente del Maie a Santiago del Cile

MOVIMENTI POLITICI

Ricardo Merlo incontra la collettività residente in loco: “La nostra squadra cresce, si rafforza e si prepara per le prossima sfide”

 

ROMA – Il presidente del Movimento Associativo Italiani all’Estero (Maie), Ricardo Merlo, ha visitato nei primi giorni di settembre i connazionali residenti in Cile.

Nel corso della sua permanenza a Santiago del Cile, il deputato eletto per il Maie nella ripartizione America meridionale, ha segnalato in particolare come il Movimento si stia sviluppando in loco con “un coordinamento molto valido”. “In poco tempo, abbiamo visto crescere una bella struttura di collaboratori come Claudio Curelli, presidente del Comites Santiago, Anna Maria Barbera, Juan Carlos Canepa, Patricio Rolle, Carlos Casanova, Francisco Della Casa, Marco Scotti e Franco Bonino che stanno facendo un ottimo lavoro. Si registrano già molte adesioni di connazionali interessati ad approfondire e soprattutto partecipare al nostro movimento. La nostra squadra cresce e si rafforza e si prepara per le prossima sfide – ha affermato il parlamentare.

Tra gli appuntamenti di Santiago l’incontro con l’ambasciatore d’Italia Marco Ricci e la console Nicoletta Iuvic, a cui è seguita una cena di lavoro in cui il presidente del Maie è stato aggiornato in merito allo stato attuale della comunità, sulla sua vivacità culturale e sociale e sulle sue eccellenze.

Allo Sadio Italiano Merlo ha anche partecipato ad una riunione del Comites e, accompagnato dal presidente del Comitato, Claudio Curelli, ha incontrato i connazionali e in particolare alcune personalità di spicco della comunità italo-cilena, come Italo Onepo, presidente dell’associazione italiana “L’Umanitaria”, la più antica del Cile con ben 137 anni di storia nel paese, ed Ennio Carota, chef italiano  molto popolare.

Il presidente del Maie è stato poi intervistato negli studi radiofonici dell’emittente Biobiochile e si è soffermato anche in questa occasione sugli argomenti di maggior interesse per i connazionali che vivono in Sud America, in particolare i servizi consolari e la cittadinanza italiana.

Merlo ha ribadito come “solo incontrandoli di persona si possono capire le problematica dei nostri connazionali”. “Questo è il modo di fare politica del Maie. Ecco perchè – ha aggiunto – non mi stanco di viaggiare per stare insieme alle nostre comunità. A Santiago risiedono quasi 60 mila italiani: qui ho percepito tanta energia positiva. Possiamo fare di più in questo Paese: con Claudio Curelli e tutta la squadra sono certo che il progetto del Maie crescerà ancora”. (Inform)

Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes