direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il Presidente Conte ha ricevuto il Generale Khalifa Haftar che ha assicurato la sua partecipazione alla Conferenza di Palermo per la Libia del 12-13 novembre

GOVERNO

ROMA – Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha avuto nella serata di domenica un lungo e articolato incontro con il Generale Khalifa Haftar – Comandante dell’Esercito Nazionale Libico – per uno scambio di vedute sulla situazione libica, in vista anche della Conferenza di Palermo del 12-13 novembre prossimo.  Il Presidente del Consiglio ha ribadito che si tratterà di una “Conferenza per la Libia e non sulla Libia”, ispirata a due principi fondamentali, quali il pieno rispetto della assunzione di responsabilità da parte libica e l’inclusività del processo, che si inserisce nel percorso tracciato dal piano delle Nazioni Unite. L’incontro in questione ha fatto seguito ai colloqui tenutesi a Roma venerdì  scorso con il Presidente del Consiglio Presidenziale dello Stato libico Serraj e con il Rappresentante Speciale delle Nazioni Unite per la Libia, Salamè.

Haftar ha confermato la sua partecipazione a Palermo, assicurando disponibilità ad un confronto che si auspica costruttivo e che rappresenti la premessa di un reale processo di unificazione in linea con le perduranti aspettative del popolo libico.

La presenza a Palermo di tutti i principali attori libici è finalizzata a sostenere le condizioni di sicurezza e di sviluppo economico, nonché il rafforzamento del quadro politico-costituzionale, quale base per un ordinato processo politico fondato sul Piano d’Azione delle Nazioni Unite.

Il Presidente Conte ha ribadito il ruolo di facilitatore che si propone di assumere nel corso dell’evento a Palermo, azione questa che potrà giovarsi della presenza e sostegno di numerosi esponenti della Comunità internazionale. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes