direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il ministro Gentiloni in visita in Kosovo

POLITICA ESTERA

 

Sostegno italiano al percorso europeo del Paese. Incontri con il contingente militare della missione Nato

 

ROMA – Il ministro Paolo Gentiloni è oggi in Kosovo  per incontrare il contingente italiano della Missione NATO Kosovo Force (KFOR) e la  base del Multinational Specialized Unit.  Prevista anche la visita alla Missione NATO Kosovo Force a Pristina.

Nel corso della missione Gentiloni incontra il vice premier e ministro degli Esteri Thaci e la presidente Jahjaga per parlare dei maggiori dossier bilaterali e ribadire il sostegno dell’Italia al percorso europeo del Kosovo.

L’Italia ha un ruolo centrale dell’Italia nella stabilizzazione del Kosovo ed è stato uno dei primi Paesi (febbraio 2008) a riconoscere il Kosovo. Numerose le visite succedutesi negli ultimi anni. Tra le più recenti, quella della presidente della Repubblica Jahjaga il 21 gennaio 2015 a Roma,  e quella del 7 luglio scorso – sempre a Roma –  del vice premier e ministro degli Esteri Thaci. 

L’impegno italiano in Kfor

L’Italia guida attualmente le missioni KFOR NATO con il generale di divisione Miglietta, ed EULEX (missione UE nel settore giudiziario e di polizia) con l’ambasciatore Meucci. La missione KFOR è attiva in Kosovo dal giugno del 1999 e opera, nel rispetto del mandato sancito dalla risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza delle Nazione Unite, per assicurare un ambiente stabile e sicuro a tutta la popolazione del Kosovo indipendentemente dalle differenze etniche e religiose. In tal modo contribuisce al consolidamento della pace e della stabilità nella regione, al processo di crescita civile, allo sviluppo delle istituzioni locali. KFOR è composta da circa 5000 militari di 31 Paesi, l’Italia fornisce il comandante della missione dal settembre 2013 e partecipa con i propri militari dal 1999; il contingente italiano attualmente è di circa 560 uomini, il terzo contingente più ampio dopo quelli di Stati Uniti e Germania. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes