direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, ha incontrato le associazioni impegnate nella tutela dell’ambiente

SOSTENIBILITÀ

In occasione del terzo Global Strike For Future

Incontro con le nove associazioni che hanno sottoscritto con il Miur accordi per realizzare programmi di educazione ambientale e formazione per studenti e docenti

ROMA – Il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Lorenzo Fioramonti, ha incontrato venerdì 27 settembre al Miur le nove associazioni che hanno sottoscritto dei Protocolli d’Intesa con il Ministero per realizzare programmi di educazione ambientale e formazione per gli studenti e per i docenti. Si tratta di Italia Nostra, Lega Navale Italiana, Penta Polis, Earth Day Italia, WWF, Lav, Club Alpino Italiano, Enea e Legambiente, che sono presenti da tempo nelle scuole italiane con progetti in tema di educazione ambientale, tutela del paesaggio, patrimonio culturale, cittadinanza globale, responsabilità sociale e sviluppo sostenibile.

L’incontro è avvenuto in occasione del terzo Global Strike For Future, nella giornata in cui il Miur ha aperto le porte agli studenti per un evento dedicato alla tutela dell’ambiente.

Le nove associazioni hanno chiesto al ministro Fioramonti di poter “unire le voci” e rientrare in un’unica strategia perché si realizzi, a partire dalle scuole e dalle nuove generazioni, una vera trasformazione a beneficio del nostro Pianeta. Fare un gioco di squadra “affinché dalla scuola parta il cambiamento per la salvaguardia dell’ambiente”.

“Sono molto felice di incontrarvi – ha affermato Fioramonti – e sono, come voi, convinto della necessità di diventare parte di un sistema per rendere la nostra azione più incisiva. Insieme a voi voglio fare della sostenibilità la cornice di un modello di formazione e di ricerca. Un modus operandi della macchina ministeriale e delle scuole. Valorizziamo il lavoro già fatto e integriamolo con le buone pratiche anche internazionali. Vorrei – ha concluso il Ministro – che l’Italia diventasse il primo Paese al mondo che rimette la sostenibilità al centro. Insieme possiamo farlo”. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes