direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il fondo sociale europeo va difeso: la Commissione coesione territoriale adotta parere presentato dalla presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini

 UNIONE EUROPEA

BRUXELLES – “Per le città e le Regioni d’Europa è fondamentale difendere la politica di coesione dell’Unione Europea quale strumento di grande importanza per promuovere lo sviluppo dei territori più sfavoriti, ma anche per far crescere la competitività di tutte le regioni europee, attraverso significativi investimenti nell’innovazione. Insomma, tenere insieme il duplice obiettivo di far crescere le regioni svantaggiate e consentire a tutte le altre regioni di aumentare la loro competitività territoriale. E tutto questo potrà essere possibile solo a condizione che il Fondo sociale europeo venga difeso prima di tutto nella sua operatività, ed in secondo luogo nella sua consistenza finanziaria”.

È quanto ha affermato la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, relatrice del parere adottato a Bruxelles dalla Commissione coesione territoriale sul tema “Revisione intermedia del Fondo sociale europeo in preparazione della proposta per il periodo successivo al 2020”, redatto con il contributo del direttore regionale alla programmazione europea della Regione Umbria, Lucio Caporizzi, in qualità di esperto. Il parere sarà ora sottoposto alla discussione del Comitato delle Regioni d’Europa nella prossima seduta del 21-23 marzo, per l’adozione definitiva.

   “È molto importante – ha aggiunto la presidente Marini – che il Comitato delle Regioni d’Europa si pronunci ora, e nel merito, in difesa dell’FSE, dato che nel prossimo futuro l’Unione sarà chiamata a definire il nuovo quadro della programmazione delle risorse comunitarie per il post 2020. E già oggi emergono sia le difficoltà di definizione delle dotazioni finanziarie, sia quelle relative all’operatività dei singoli Fondi. Prima di tutto in conseguenza degli effetti della Brexit. Al tempo stesso però emergono anche i nuovi bisogni dei cittadini, da quelli per la sicurezza interna, ma anche esterna all’Unione, al tema dei migranti, alle sfide sempre più complesse che impone l’industria digitale e le tecnologie digitali nel loro complesso”.

Per queste ragioni il parere adottato si pone come obiettivo principale quello di difendere la politica di coesione, non solo per assicurarsi un adeguato livello della dotazione finanziaria, ma anche tutelarne la sua integrità e capacità di continuare a favorire, magari incrementandole, le politiche di inclusione. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes