direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il direttore generale per gli Italiani all’estero e le Politiche migratorie del Maeci intervistato a “L’Italia con voi”

ITALIANI ALL’ESTERO

Luigi Maria Vignali presenta la conferenza dei Consoli italiani nel mondo prevista a Roma alla fine di ottobre

ROMA – Il direttore generale per gli Italiani all’estero e le Politiche migratorie del Maeci, Luigi Maria Vignali, è intervenuto nei giorni scorsi alla trasmissione di Rai Italia “L’Italia con voi” su alcuni temi di interesse per i connazionali. Intervistato da Monica Marangoni, ha presentato in particolare la conferenza dei Consoli italiani nel mondo prevista a Roma alla fine di ottobre.

Vignali ha ricordato come l’ultima conferenza di questo tipo risalga a 16 anni fa; “nel frattempo – ha rilevato – gli italiani nel mondo sono diventati oltre 5 milioni e 600 mila”. “C’era bisogno di un appuntamento per fare il punto tra tutti i Consoli della nostra rete mondiale – spiega Vignali, aggiungendo come si tratterà di “un incontro, un confronto, un approfondimento che avrà al centro il tema di una nuova visione dei servizi consolari”. Tre le linee principali: “innovare, comunicare e motivare”: “innovare – spiega il Direttore generale – significa anche innovare dal punto di vista della semplicità, della deburocratizzazione e informatizzazione dei servizi; comunicare, perché vogliamo avvicinare sempre più i connazionali ai servizi del Consolato e dare un’informazione sempre più corretta; motivare, perché vorremmo che i nostri Consoli fossero veramente orgogliosi di servire il cittadino italiano all’estero”. “Dobbiamo tenere presente che la presenza italiana all’estero si è diversificata, ci sono consistenti flussi di nuova mobilità e quindi dobbiamo orientali, accompagnarli, aiutarli ad essere sempre più integrati nella realtà estera – afferma Vignali, rilevando come il primo passo sia l’incontro, “ecco perché i nostri Consolati, da Sydney a New York, da Londra a Berlino, da San Francisco a Cape Town organizzano incontri con i nuovi connazionali all’estero, per capirne le esigenze e migliorare i servizi”.

Sul fronte delle nuove mobilità il Direttore generale spiega come l’impegno messo in campo sia “offrire maggiore informazione e digitalizzazione” anche attraverso la destinazione di “nuove risorse finanziarie e di personale”, attualmente in corso. Cita poi tra gli strumenti messi a disposizione in particolare il portale Fast.it, “Farnesina per i servizi telematici agli italiani all’estero”, che consente di effettuare rapidamente, “con pochi passaggi e a distanza”, l’iscrizione all’Anagrafe dei connazionali residenti all’estero (Aire) o di comunicare la variazione dell’indirizzo di domicilio. “È uno strumento importante per mantenersi in contatto con il Consolato – afferma Vignali, che rileva poi come attraverso di esso il fascicolo riguardante il connazionale “nasce già informatizzato”, consentendo una maggiore semplicità e rapidità anche ai servizi che seguiranno.

Tornando ai temi della conferenza, si segnalano tra le sessioni di approfondimento quelle legate “alla nuova mobilità italiana; alle collettività storiche, tra presente e futuro; agli oriundi che vogliono acquisire la cittadinanza, per la quale – afferma Vignali – vorremmo lanciare dei nuovi paradigmi organizzativi; e poi al tema degli italiani all’estero al servizio del sistema paese”. Ricorda poi come siano 80 i Consolati italiani nel mondo, cui si aggiunge il fatto che “quasi tutte le Ambasciate hanno una cancelleria consolare al loro interno che offre i servizi dei Consolati” ed incrementa la rete dei servizi ai connazionali fino alle 150 unità.

Per quanto riguarda invece gli impegni futuri, Vignali ribadisce come proseguirà “il monitoraggio di almeno due situazioni molto delicate: una è quella della Brexit, per cui ci impegnamo a garantire il massimo sostegno affinché i diritti dei connazionali residenti in UK siano preservati; un altro tema è quello dei connazionali in Venezuela, che vivono una crisi gravissima e vogliamo continuare a sostenere”. “In prospettiva poi dovremo pensare alle elezioni europee, i nostri Consolati in Europa dovranno organizzare i seggi e sarà un impegno notevole; e poi – conclude Vignali – prosegue l’impegno per la riforma degli organismi di rappresentanza degli italiani all’estero, Comites e Cgie, con il coinvolgimento degli organismi stessi”. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes