direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il 20 maggio, presso Frossasco e Angrogna, la giornata dedicata alle storie di donne dell’Ottocento

MEMORIA

Racconti di vita, di viaggi, di donne tra migrazioni, famiglie, desideri ed emancipazione

 

ANGROGNA – Il 20 maggio si terrà una giornata dedicata alla scoperta delle storie di donne vissute alla fine dell’Ottocento; l’organizzazione dell’evento è affidata al Museo Regionale dell’Emigrazione di Frossasco e al Museo delle Donne Valdesi di Angrogna. Lo segnala il sito del museo regionale dell’Emigrazione dei Piemontesi nel Mondo.  Molti valdesi, durante il periodo della cosiddetta “Grande emigrazione”, decisero di abbandonare le amate valli spinti dalla necessità di trovare lavoro all’estero, scegliendo la vicina Francia oppure affrontando un lungo viaggio in nave verso il continente americano. La collaborazione tra i due musei ha avuto inizio proprio a partire dalla vicende biografiche di queste persone. Quella di domenica sarà una visita esperienziale nella quale sarà possibile vestire i panni di donne e uomini, che, a cavallo fra XIX e XX secolo, hanno lasciato le loro case per cercare fortuna all’estero.  Questo tipo di esperienza consente ai visitatori non soltanto di assistere alla narrazione degli eventi, ma soprattutto di rivivere tappa dopo tappa la biografia migratoria di alcune persone realmente esistite. Le storie raccontate sono state ricostruite grazie tanto alla ricchezza di materiale presente presso l’Archivio Valdese di Torre Pellice, quanto alla professionalità dei suoi collaboratori. A seguito della visita, alle ore 12, è previsto uno spostamento con mezzi propri verso Angrogna, dove sarà possibile consumare il pranzo. Alle ore 14,30, è fissata la visita presso il locale Museo delle Donne, una sorta di “memoriale” della donna valdese nella storia, al centro del quale sono collocati una serie di pannelli mobili che documentano alcuni percorsi femminili: dalla balia che allatta bimbi di altre donne, alla maestra e all’operaia che concepiscono i loro diversi lavori come vocazione, dall’emigrante in cerca di lavoro, alla missionaria e alla diaconessa. Le pareti invece sono dedicate alla biografia di donne che si collocano in secoli e paesi diversi, dal Medioevo all’epoca moderna. Il costo della giornata sarà di 10€ a persona (pranzo e spostamenti esclusi) ed è consigliato effettuare la prenotazione entro venerdì 18 maggio. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes