direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Gli italiani nel mondo: storie di emigrazione passata e presente

ITALIANI ALL’ESTERO

A “Speciale Community”, settimanale di Rai Italia  

ROMA – Speciale Community , settimanale di Rai Italia, è pensato per raccontare gli italiani nel mondo e fare da ponte tra le comunità italiane sparse nei diversi paesi e tra loro e la madrepatria.

A questo scopo è stata creata una rete di giornalisti–corrispondenti–filmaker costantemente a caccia di nuove storie. Alcuni tra loro risiedono nei paesi dell’emigrazione storica come Canada, Stati Uniti, Brasile, Argentina, Australia. Altri invece viaggiano nei paesi con comunità italiane meno numerose di quelli appena citati o in paesi di nuova emigrazione come la Cina, il Giappone, il Vietnam, la Tailandia, il Sud Africa, il Perù, la Colombia, il Costa Rica,  etc. etc.

E allora eccole le storie di emigrazione, singole storie per fornire altrettante risposte alle mille domande: chi sono gli emigrati, perché hanno lasciato il nostro paese, come se la passano,  hanno raggiunto il loro obiettivo oppure sono ancora alla ricerca di un sogno da realizzare? E ancora: se ne sono andati per sempre o ritorneranno dopo un’esperienza di lavoro o di sperimentazione all’estero? Si sono integrati nel nuovo paese? Quanto hanno conservato della loro italianità? Etc., etc. Sono tutte storie di vita, di impegno, di sentimenti. A volte di successo, a volte meno. A volte di fatica, sudore e sconforto, altre volte di grande fortuna e realizzazione professionale. A volte di grandi soddisfazioni e felicità, altre volte di insicurezza e nostalgia.

Le storie in questa puntata, in onda su Rai Italia 1 (Americhe) venerdì 26  gennaio, su Rai Italia 2 (Australia – Asia) sabato 27 gennaio e domenica 28 gennaio , su Rai Italia 3 (Africa) sabato 27 gennaio.

Da Toronto  (Canada). In occasione del Toronto Film Festival, l’incontro con Forzani e Pallaoro, due giovani registi di origini italiane che hanno presentato le loro opere al pubblico canadese.

Da Edmonton  (Canada). Storica e autrice del libro sulla famiglia Pichiarello, Adriana Albi racconta come si è appassionata alle storie dei primi italiani arrivati in Canada e come ha indagato a fondo sulle loro vite, scoprendo che per lo più facevano mestieri molto umili e faticosi.

Da Edmonton (Canada).Il giovane poeta Marco Melfi, nato in Canada da genitori italiani. Marco esprime il suo animo sensibile scrivendo e pubblicando poesie che traggono ispirazione dalla sua attenta osservazione delle persone che incontra per strada.

Da Los Angeles (Usa). ,A Los Angeles si è trasferito da qualche anno Carlo Alberto Orecchia, documentarista vincitore di un Emmy Award. Carlo Alberto però non si limita ad una sola attività nello show-business e racconta i molteplici risvolti del suo lavoro.

Da Boston (Usa). “Italian Day”, giornata dedicata alla cultura italiana per gli studenti delle high school (le scuole superiori d’America) per stimolare attraverso Chef, auto sportive, sfilate di moda, cantanti e quant’altro, l’interesse verso la cultura e la lingua italiana. Il tutto grazie anche all’aiuto economico dei cosiddetti “Patrons” (mecenati), cioè donatori, fondamentalmente privati o ditte, in seno alla comunità.

Da New York (Usa) . Il giornalista Federico Rampini, il noto inviato all’estero per il quotidiano la Repubblica offre con la sua esperienza diretta (in Oriente e negli USA) spunti per capire cosa all’estero si pensa degli Italiani e dell’Italia.

Da Buenos Aires (Argentina). La storia di Rosario Marasco, un emigrato calabrese che durante la seconda guerra mondiale venne internato nel campo di Mauthausen in Austria.  Successivamente emigrò in Argentina, a Buenos Aires. La testimonianza è di una sua amica. Uno dei più grandi inviati di guerra italiana di quegli anni, Lamberti Sorrentino, scrisse il libro “Sognare a Matuhausen”, che dedicò proprio a Marasco che era stato suo compagno di prigionia, definendolo l’uomo più coraggioso e buono del campo di Mauthausen.

Da Johannesburg (Sudafrica). Raoul Bova, ospite dell’ultimo Johannesburg Film Festival racconta perché è importante per lui partecipare a questi eventi, in funzione di promotore del Cinema e –più in generale- di tutta la Cultura italiana all’estero.

Programmazione. Rai Italia 1 (Americhe): New York/Toronto venerdì 26 gennaio h20.15; Buenos Aires venerdì 26 gennaio h22.15; San Paolo venerdì 26 gennaio h23.15

Rai Italia 2 (Australia – Asia): Pechino/Perth sabato 27 gennaio h21.30; Sydney domenica 28 gennaio h00.30

Rai Italia 3 (Africa): Johannesburg sabato 27 gennaio h01.30. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes