direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Francesca La Marca (Pd) interviene sulla possibile eliminazione del sostegno pubblico per la stampa italiana all’estero

ELETTI CIRCOSCRIZIONE ESTERO

Siamo aperti ad ogni forma di discussione su una riorganizzazione seria del settore, ma fermamente contrari all’eliminazione del contributo pubblico

ROMA – Anche la deputata del Pd Francesca La Marca, eletta nella Ripartizione Nord e Centro America, interviene sull’ipotesi di eliminazione del sostegno pubblico alla stampa italiana all’estero avanzata da alcuni esponenti del Movimento 5 Stelle.

In primo luogo la deputata ricorda come l’aumento da due  a tre milioni di euro delle risorse pubbliche per i giornali italiani all’estero, avvenuto sotto il Governo Gentiloni, sia frutto non di un regalo del governo, ma di un proprio emendamento, sostenuto anche dagli altri eletti all’estero del Pd. Un risultato che Francesca La Marca rivendica, ricordando il fatto che la dotazione finanziaria per i periodici in italiano all’estero era ferma da decenni e la divisione dei due milioni su scala mondiale comporta per le singole testate italiane all’estero somme limitatissime, in alcuni casi irrisorie. “Dopo la riforma della legge per l’editoria, – continua la deputata del Pd – il fondo è ricaduto nel calderone generale e, al di là degli annunci, vorremmo sapere quali sono i criteri generali di ripartizione. Una volta presentati tali criteri, saremo i primi a verificare se essi prevedono forme di erogazione severe e controlli sicuri, come è giusto che sia, evitando erogazioni disinvolte. La Marca segnala anche la funzione di coesione comunitaria, di difesa della nostra lingua, di informazione anche in vista di un esercizio consapevole del voto che i giornali italiani all’estero svolgono.

“Per quanto ci riguarda – conclude la deputata – siamo aperti ad ogni forma di discussione su una riorganizzazione seria del settore, ma fermamente contrari all’eliminazione del contributo pubblico che, come ha detto il Presidente Mattarella proprio in queste ore, rappresenta una necessità per la sopravvivenza di questi delicati e importanti strumenti”. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes