direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Fino al 29 dicembre all’Istituto Italiano di Cultura di Parigi la mostra “Piero Melograni e la Grande Guerra”

MEMORIA

In occasione del Centenario della prima guerra mondiale

Un’esposizione sul lavoro preparatorio del volume “Storia politica della Grande Guerra 1915-1918”

 

ROMA – L’Archivio Storico Piero Melograni di Roma, in occasione del Centenario della Grande Guerra, sta portando avanti il progetto espositivo “La Guerra di Piero”. Una mostra che documenta – attraverso il materiale d’archivio cartaceo, gli oggetti dell’epoca, e testimonianze audiovisive – il lavoro preparatorio dello storico Melograni per la realizzazione del Volume “Storia Politica della Grande Guerra 1915-1918”, uscito nel 1969 per le edizioni Laterza, e più volte ristampato. La prima presentazione nel 2015 a Roma, presso la Camera dei deputati – Complesso di Vicolo Valdina, per questo appuntamento la mostra ha goduto dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e della concessione del logo del comitato Interministeriale per il Centenario della Prima Guerra Mondiale. Nel 2016 è stata ospite come evento culturale, assieme alla Fondazione Gramsci, al Salone Internazionale del Libro di  Torino. Nel 2017, dal 29 novembre al 29 dicembre, la mostra è a Parigi presso la prestigiosa sede dell’Istituto Italiano di Cultura. Sede scelta per proseguire il legame che lo storico Melograni aveva con la Capitale francese, città in cui risiedeva alcuni mesi all’anno.

Le mostre realizzate in Italia, come per questa in Francia, sono state affidate alla curatela scientifica di Giovanni Sabbatucci, già professore ordinario di Storia Contemporanea all’Università La Sapienza di Roma, evidenziando sia le ragioni dell’allestimento sia il percorso espositivo curato da Nicoletta Di Benedetto, giornalista ed esperta di archivi. Un catalogo, come per l’esposizione a Roma, accompagna la mostra, investigando sull’evoluzione di Melograni come uomo e come intellettuale attraverso preziosi contributi di storici e pezzi esposti.

Il lavoro di ricerca e studio che ha dato vita al volume “Storia politica della grande guerra 1915 – 18 nasce, come affermato dallo stesso Melograni nell’introduzione “dal desiderio di precisare i sentimenti, i problemi, le trasformazioni della società italiana” dal maggio 1915 fino alla vittoria nel novembre 1918.

Il Progetto affronta tutti gli aspetti del primo conflitto mondiale con particolare attenzione al morale dei soldati, alla vita quotidiana, ai cappellani militari, ai volontari, all’inverno, alle donne, al fronte interno, alle proteste, alla situazione in cui versava il Paese, alla propaganda e alle biblioteche dei soldati.

Questi temi si concretizzano nell’esposizione attraverso carteggi, libri, manifesti, documenti inediti, cartoline dal fronte, diari di guerra, foto dei soldati, carte topografiche che illustrano l’avanzamento del fronte tra l’Italia e l’Impero Austriaco, veline con le indicazioni per i disertori recanti il Timbro del Regno d’Italia, un medagliere, un proiettile raccolto sul campo di battaglia, cartoline dei soldati e dei sacrari, fogli dei quotidiani dell’epoca con La lettera del fante di Archibaldo Della Daga. Inoltre alcuni disegni di Giorgio de Chirico del 1918, un opuscolo con traduzione in italiano del messaggio del 2 aprile 1917 al Congresso USA del Presidente Woodrow Wilson, alcune lettere recanti la corrispondenza tra D’Annunzio e alcuni personaggi citati nel libro, un prestito messo a disposizione dalla Fondazione Vittoriale degli Italiani. Ed è proprio attraverso alcune figure notevoli tra le molte citate nel libro, che ci permetteranno di comprendere il lavoro storiografico affrontato da Piero Melograni, per descrivere l’evoluzione politica dell’Italia e dell’Europa del XX secolo partendo dalla Prima Guerra Mondiale.

Anche a Parigi, come in Italia, afferma la curatrice Nicoletta Di Benedetto, l’allestimento permetterà al visitatore di sentirsi parte integrante del percorso espositivo in quanto, oltre alle teche che conterranno il corpus della mostra, sarà ricostruito un angolo dello studio romano di Melograni con la scrivania, le vetrine ed alcuni quadri e oggetti personali di Melograni. Ad arricchire l’esposizione anche due uniformi militari della Prima Guerra, alcuni abiti indossati dalle donne in quel periodo. Questi ultimi come la proiezione di una serie di foto, che documentano la vita dei soldati al fronte, sono stati gentilmente messi a disposizione da raccolte private. La mostra è arricchita dal materiale audiovisivo messo a disposizione da Rai Teche riguardante i programmi televisivi a cui Melograni aveva partecipato.La mostra è organizzata con il supporto della Società Dante Alighieri e Monte Paschi Banque. Si ringrazia lo Stato Maggiore Esercito-Ufficio Storico. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes