direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

FederEsuli: Il sottosegretario Maria Elena Boschi si impegna per la soluzione delle questioni degli esuli istriani, fiumani e dalmati

TAVOLO GOVERNO-ESULI

 

ROMA – Si è riunito nel pomeriggio del 29 marzo, il Tavolo Governo-Esuli istriani, fiumani e dalmati a due anni di distanza dalla precedente riunione, al fine di riavviare l’iter per la soluzione delle tante questioni ancora aperte inerenti le vittime delle foibe e della diaspora adriatica, dagli indennizzi per i beni abbandonati ai riconoscimenti ai discendenti di quanti furono eliminati nelle stragi perpetrate dalle forze nazionalcomuniste di Tito, passando per il sostegno delle associazioni che preservano la memoria di quella tragica pagina di storia nazionale.

La riunione è stata presieduta dall’on. Maria Elena Boschi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, la quale ha ribadito l’intenzione del Governo di riprendere il dialogo, avvalendosi del supporto della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, rappresentata dalla presidente Debora Serracchiani e dall’Assessore alla Cultura Gianni Torrenti. Antonio Ballarin (Federazione delle Associazioni degli Esuli istriani, fiumani e dalmati) ha segnalato come, dopo tanto oblio, le leggi 72/2001 (a sostegno delle progettualità dell’associazionismo degli esuli) e 92/2004 (istitutiva del Giorno del Ricordo) abbiano consentito di rendere le tragedie del confine orientale italiano patrimonio condiviso della comunità nazionale e Renzo Codarin (Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia) ha rilevato che le stesse associazioni degli esuli “hanno assunto una nuova veste propositiva ed attiva nell’ambito dei rapporti con l’italianità autoctona”. La  “necessità di chiarezza nei confronti degli esuli e dei loro discendenti riguardo l’equo indennizzo dei beni nazionalizzati dalla Jugoslavia” (e con cui l’Italia pagò il debito di guerra nei confronti di Belgrado) è stata sollevata da Manuele Braico (Associazione delle Comunità Istriane), laddove Antonio Concina (Libero Comune di Zara in Esilio) ha ribadito l’impegno per la tutela della memoria da parte dei sodalizi presenti alla riunione. Tullio Canevari (Libero Comune di Pola in Esilio) ha sottolineato l’importanza delle  sinergie fra esuli ed italianità autoctona in Istria, Carnaro e Dalmazia al fine di tutelare i monumenti ed i documenti che dimostrano il radicamento dell’italianità nell’Adriatico orientale e gli ha fatto eco Guido Brazzoduro (Libero Comune di Fiume in Esilio) che ha ricordato come lo stesso presidente Ivo Josipović abbia riconosciuto il valore aggiunto che la comunità italiana e la sua plurisecolare storia rappresentano per la Croazia. Dopo aver denunciato le inefficienze amministrative ed i ritardi nei versamenti dei compensi per i progetti delle associazioni, Giuseppe de Vergottini (Coordinamento Adriatico) ha proposto una corretta commemorazione dei luoghi di eccidio dei nostri connazionali attraverso l’apposizione di alcune targhe nei pressi di foibe e fosse comuni in territorio sloveno e croato e a tal proposito Giovanni Stelli (Società di Studi Fiumani) ha ricordato, nell’ambito del dialogo culturale instaurato con la città di Fiume dal 1990 e del corposo lavoro per l’elencazione delle vittime italiane nel Carnaro, l’impegno profuso per commemorare il senatore Riccardo Gigante ed i fiumani trucidati assieme a lui a Castua.

I funzionari ministeriali presenti (Affari Esteri, Economia e Finanze, Beni e Attività Culturali e del Turismo) hanno riconosciuto l’importanza delle associazioni come “asse di politica estera per l’Italia” nonché la necessità di salvaguardare il patrimonio culturale di cui sono eredi, ribadendo la massima disponibilità a risolvere le questioni economiche. L’on. Boschi ha, infine, ritenuto giusta la proposta di commemorare le vittime nei luoghi delle stragi (il ministro degli Esteri Alfano potrebbe cominciare ad affrontare la problematica nell’imminente visita in Croazia)  e accennato alla necessità di reperire le risorse per istituire una Fondazione deputata ad affrontare queste tematiche, laddove ha caldeggiato la costituzione di gruppi di lavoro che a breve si riuniscano per affrontare i dettagli delle tante questioni sollevate; senza omettere il ricordo degli infoibati, “bisogna portare l’attenzione sulle vicende delle famiglie le cui esistenze sono state stravolte dall’Esodo”, ha concluso Boschi, la quale conosce direttamente la storia del Centro Raccolta Profughi di Laterina (Arezzo).

“Questo incontro – ha commentato il presidente di FederEsuli Ballarin – rappresenta il suggello di una costante interlocuzione con le istituzioni, in particolare il sottosegretario agli Affari  Esteri, senatore Benedetto Della Vedova, ed il sottosegretario ai Beni e alle Attività Culturali e del Turismo, onorevole Antimo Cesaro. Profonda gratitudine va rivolta soprattutto al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il quale lo scorso 15 febbraio ha ricevuto una rappresentativa delegazione dell’associazionismo della diaspora adriatica, dimostrando durante i colloqui interesse nei nostri confronti”

Puntualizza Braico, vicepresidente FederEsuli: “Certamente è stato importante riunirsi, ma adesso attendiamo risultati concreti. Le migliaia di persone che noi rappresentiamo vogliono certezze in merito agli indennizzi, risposte sulle questioni burocratiche e prospettive certe per la sopravvivenza delle nostre associazioni” (Lorenzo Salimbeni*/Inform)

*Federazione delle Associazioni degli Esuli istriani, fiumani e dalmati

Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes