direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Fabio Porta e Andrea Lanzi (Pd Brasile) sulla riduzione della rappresentanza parlamentare degli italiani all’estero

ITALIANI ALL’ESTERO

Oggi il numero degli italiani residenti all’estero è raddoppiato  sarebbe necessario se non un aumento di questa rappresentanza quantomeno un suo mantenimento nei numeri attuali

ROMA – In una nota congiunta il Segretario e il Presidente del Pd Brasile, Fabio Porta e Andrea Lanzi esprimono la loro contrarietà alla riforma costituzionale in discussione alla Camera dei Deputati che prevede la riduzione anche del numero dei Parlamentari della circoscrizione Estero. I due esponenti democratici sottolineano come questa riforma rappresenti un ulteriore decisione della maggioranza di Governo non favorevole gli italiani all’estero “dopo l’esclusione dal reddito di cittadinanza e dalla ‘quota 100’ per le pensioni, i tagli al bilancio e le maggiori difficoltà per ottenere la cittadinanza per matrimonio”.

“Non siamo contrari alla riduzione del numero dei parlamentari – spiegano Porta e Lanzi – ma riteniamo che il numero complessivo di quelli eletti all’estero era già ampiamente al di sotto del rapporto eletto/elettore nel 2001, quando fu approvata la riforma costituzionale che permise il voto attivo e passivo degli italiani nel mondo. Oggi – proseguono – il numero degli italiani residenti all’estero è raddoppiato, anche in ragione della nuova mobilità dei giovani italiani oltre che per il grande numero di richieste di cittadinanza, e il buon senso dovrebbe indicare se non un aumento di questa rappresentanza quantomeno un suo mantenimento nei numeri attuali” Dopo aver ricordato la contrarietà alla riduzione del numero dei  Parlamentari eletti all’estero anche del Cgie e della rete dell’associazionismo, Porta e Lanzi rilevano la mancata presa di posizione del Maie in proposito e ribadiscono la contrarietà del Partito Democratico del Brasile a questa proposta, ricordando che le grandi collettività italiane nel mondo costituiscono ancora oggi un patrimonio da valorizzare. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes