direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Domani alla Farnesina presentazione di libro e web documentary “Italiani del Belgio”

ITALIANI ALL’ESTERO

Promossa dalla Direzione Generale per gli Italiani all’Estero del Maeci

Primo capitolo della nuova serie del progetto “Italiani d’Europa”: l’integrazione europea vista dagli occhi degli italiani all’estero

 

ROMA – Verrà presentato domani alle ore 15.30 presso la Sala Aldo Moro del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale il libro “Italiani del Belgio”, storia e presente dell’emigrazione italiana in Belgio raccontata anche attraverso un web documentary realizzato in collaborazione con National Geographic Italia nell’ambito del progetto “Italiani d’Europa”.

Si tratta del prima capitolo di una nuova serie che nasce come espansione del progetto “Italians and the UK”, libro e web documentary pubblicati nel luglio 2016 (www.italiansandtheuk.it), che si propone di raccontare la storia presente e passata della comunità italiana in Paesi europei chiave, con una serie di libri fotografici, web documentary multimediali e reportage tradizionali sul magazine di National Geographic. Il prossimo capitolo sarà “Italiani di Germania”.

Intervengono alla presentazione, promossa dalla Direzione Generale per gli Italiani all’Estero del Maeci, il direttore Luigi Maria Vignali, Birgit Stevens, ministro consigliere dell’Ambasciata del Regno del Belgio in Italia, Marco Cattaneo, direttore di National Geographic Italia, Lorenzo Colantoni, autore di testi e video e Riccardo Venturi, autore, foto. Modera Nicola Maranesi dell’Archivio Diaristico Nazionale.

In un momento in cui il futuro dell’Europa si trova ad un crocevia, le storie degli immigrati italiani, tanto nel presente quanto nel passato, raccontano in prima persona un’integrazione europea ancora in corso, ma fondamentale per il successo dell’Unione. In questo, il Belgio è un esempio particolarmente importante: la comunità italiana è la più numerosa tra quelle straniere presenti nel Paese. A differenza poi di altre emigrazioni italiane più recenti, gli italiani del Belgio sono presenti in maniera significativa dall’inizio del secolo scorso, con una vera e propria emigrazione di massa negli anni ’50 (oltre mezzo milione in dieci anni in un Paese, al tempo, di sei milioni di abitanti), e grandi numeri ancora ai giorni d’oggi.

È questa sovrapposizione di passato e presente che fa degli italiani in Belgio una storia particolare, che racconta la difficile emancipazione dalle miniere e fabbriche alle istituzioni europee, ai centri di ricerca, ai business del Belgio, crocevia d’Europa. “Italiani del Belgio” racconta così di minatori, sindacalisti ed operai, ma anche di professori del Collegio d’Europa, trader di diamanti, acrobati e ghost painter. Traccia un quadro dell’emigrazione che collega direttamente il passato e il futuro, non solo dell’Italia ma di tutta l’Europa: i quartieri dell’antica emigrazione italiana sono infatti ora abitati dai nuovi arrivati, soprattutto dal Nord Africa, e lì gli italiani insegnano la lezione di integrazione appresa anni prima.

In tutto questo, il progetto si avvale della collaborazione con l’Archivio Diaristico Nazionale, custode di migliaia di diari italiani dal 1700 a oggi. Un medico che esplora il Congo belga nell’anno 1900, la storia di un minatore pugile, avventuriero e seduttore, o il racconto diretto della tragedia di Marcinelle dagli occhi del fratello di un minatore disperso sono solo alcune tra le storie dell’Archivio raccontate in “Italiani del Belgio”.

Il progetto unisce metodi tradizionali a una narrazione innovativa: al libro con testi e foto, pubblicato da Peliti Associati, si unisce un web documentary. Si tratta di un portale multimediale in cui una narrazione divisa per tre temi (Frammenti d’Italia, Migranti allo Specchio e Il Futuro dell’Europa) sviluppa il racconto degli italiani del Belgio tramite foto, clip video e mini-documentari. Una modalità narrativa che cerca di rompere le barriere del giornalismo sul web tradizionale, tramite la collaborazione con il media partner National Geographic. (Inform)

Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes