direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Dal senatore Micheloni un’interrogazione urgente a risposta orale in III Commissione sul piano di razionalizzazione del patrimonio immobiliare dello Stato italiano su territorio estero

ITALIANI ALL’ESTERO

Ai ministri degli Esteri e dell’Economia

Chiesto se in fase di elaborazione dell’iniziativa siano state ascoltate le comunità italiane e se sia stato previsto un prezzo favorevole nel caso in cui le collettività siano intenzionate ad acquistare gli immobili

 

ROMA – Il senatore del Pd Claudio Micheloni, eletto nella ripartizione Europa, ha depositato giovedì 23 marzo in Senato un’interrogazione urgente indirizzata ai ministri degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e dell’Economia e delle Finanza riguardante il piano di razionalizzazione del patrimonio immobiliare dello Stato Italiano su territorio estero, annunciato dal Governo nel maggio 2014 nel generale indirizzo della Spending Review e inserito nuovamente nel bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2017 e bilancio pluriennale per il triennio 2017-2019 (Accantonamento di ricavi derivanti dalla dismissione d’immobili all’estero). Nella sua interrogazione, il senatore Micheloni chiede di sapere cosa prevede il piano di razionalizzazione del patrimonio immobiliare elaborato dell’Agenzia del demanio e dal decreto del Maeci sugli immobili da dismettere, e quali siano gli immobili individuati.

Considerato che le Associazioni e gli organi di rappresentanza degli italiani all’estero sono interessati in alcuni casi a riacquistare il patrimonio immobiliare, il senatore Micheloni vuole sapere dal ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale se, in fase di elaborazione del piano di razionalizzazione, ha audito queste comunità al fine di evitare forti opposizioni da parte loro, e se ha previsto un prezzo favorevole nel caso in cui questi rappresentanti delle comunità vogliano acquistare gli immobili. Queste Comunità italiane, secondo il senatore Micheloni, meritano un giusto riconoscimento perché in alcuni casi hanno collaborato economicamente e con forza lavoro alla nascita del patrimonio immobiliare dello Stato all’estero.

Infine, nell’interrogazione, il senatore Micheloni suggerisce di utilizzare la quota del 30 per cento dei proventi delle operazioni di dismissione, oltre che per il rifinanziamento della legge n. 477 del 1998, finalizzata alla ristrutturazione, restauro e manutenzione straordinaria degli immobili del demanio italiano ubicati all’estero, anche per mantenere una presenza stabile per la Comunità ed i servizi rivolta a questa. (Inform)

Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes