direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Consegnato in Commissione Affari Costituzionali del Senato l’appello contro il taglio dei parlamentari eletti nella circoscrizione Estero

ITALIANI ALL’ESTERO

 

ROMA  – Una riforma che toglie voce e diritti agli italiani all’estero. È quanto evidenziato oggi in conferenza stampa dai promotori dell’appello “Tuteliamo la voce e i diritti degli italiani nel mondo”, petizione lanciata da oltre settanta intellettuali, scienziati e imprenditori che ha raccolto molte firme. Adesioni consegnate simbolicamente oggi alla Commissione Affari Costituzionali del Senato dalla ricercatrice e docente dell’Università di Uppsala, in Svezia, Laura Parducci,  a nome di tutti i sottoscrittori. Che ha poi incontrato la stampa insieme ai senatori Pd Laura Garavini e Dario Parrini.

“Come società civile, abbiamo sentito il dovere di mobilitarci contro quello che rappresenterebbe un atto ingiusto nei confronti dei connazionali nel mondo – ha spiegato Laura Parducci -. In un momento storico caratterizzato dall’incremento del numero degli italiani che decidono di espatriare, tra i quali tante eccellenze, sminuire la loro rappresentanza parlamentare significa indebolire la loro voce. Confidiamo che la Commissione Affari Costituzionali, che oggi ci ha ricevuto, dimostri altrettanta disponibilità all’atto pratico. Quando si tratterà di accogliere il nostro appello e bloccare la parte della riforma che prevede la diminuzione degli eletti all’estero”.

“La mobilitazione civile contro questa riforma – ha dichiarato la senatrice Garavini – dimostra come il tema sia sentito dagli elettori”. .

“Il Partito Democratico vede da sempre negli italiani nel mondo una risorsa preziosa – ha aggiunto il senatore Parrini, capogruppo Pd in Commissione -. Ci uniamo convintamente a questo appello, del quale mi faccio portavoce. Stiamo lavorando proprio per fare in modo che la maggioranza dimostri altrettanta sensibilità al tema”. La petizione è lanciata dal professor Vito Gironda, docente di storia politica e sociale delle società moderne a Bielefeld. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes