direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Consegnato dal Comites di Berlino il Premio “Italiano dell’anno 2013”

ITALIANI ALL’ESTERO

I riconoscimenti sono andati a Antonino Triscari, del settore gastronomico – alimentare e all’autrice, coreografa e attrice d Elettra de Salvo. Presentato il “Vademecum: indirizzi utili a Berlino”

 

BERLINO –  Alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia a Berlino Elio Menzione,  il Comites di Berlino- Brandeburgo, ha conferito  il Premio “Italiano dell’anno 2013” a Antonino Triscari  della salumeria  “Da Nino”e ad Elettra de Salvo da tempo attiva nel settore teatrale e culturale. Dal 2006 il Comites assegna ogni anno un riconoscimento a due personalità, un uomo ed una donna, che si sono distinte nella comunità italiana a Berlino.

Nell’attestato di merito di Antonino Triscari si spiega come questo riconoscimento sia stato consegnato al nostro connazionale per la “sua instancabile attività” e per il successo ottenuto nel “settore gastro-alimentare”, nonché per “la grande energia e passione che ha dimostrato, insieme a sua moglie Maria, e oggi anche insieme ai figli Carmelo e Salvatore, nella conduzione e crescita della sua primaria attività nel settore gastro-alimentare”. Nel testo si ricorda inoltre il profondo amore di Triscari per i prodotti della terra d’Italia e la sua capacità “di trasmettere con successo questo attaccamento alla comunità tedesca”, permettendo allo stesso tempo alla collettività italiana emigrante di rimanere in contatto con i sapori e la cucina casareccia della terra d’origine. Nell’attestato si evidenzia infine come Triscari abbia “creduto e scommesso in quel legame che unisce cibo e socialità, trasformando il suo locale in luogo d’incontro e di scambio di conoscenze, uno spazio autentico berlinese nel quale si assiste al piacere dello stare assieme e del fare rete, accompagnato al piacere della buona tavola”, realizzando al meglio “l’idea di attività a conduzione familiare” e dimostrando come “il passaggio generazionale da genitori a figli possa ancora oggi essere un valore aggiunto alla realizzazione personale e al successo di tutto il nucleo familiare nella società berlinese”.

Per quanto riguarda invece il riconoscimento consegnato a Elettra de Salvo nell’attestato si ricorda sia la sua attiva presenza  “nel tessuto culturale berlinese e tedesco attraverso la creazione di spettacoli e performance nelle sue varie vesti di autrice, coreografa e attrice”, sia la sua capacità di “ scommettere attraverso l’espressione teatrale sulla lingua italiana, importandola in un contesto estero”. Il riconoscimento è stato inoltre consegnato alla Di salvo per il fatto di “essere diventata punto storico e di riferimento per una giovane generazione da poco migrata in questa città che desidera esprimere con il teatro una grande potenzialità comunicativa e un’appassionata affezione all’arte e alla cultura”, nonché per “aver reso in questi ultimi anni attraverso un capillare lavoro corale con il progetto ‘Italo-Berliner: un rifugio culturale?’ l’opera teatrale un importante momento d’incontro tra due diverse culture, cogliendone gli aspetti più interessanti con ironia e spirito e dando un’opportunità alle passioni personali di molti concittadini di interpretare la propria esperienza di emigranti”.

Durante l’incontro è stato anche presentato il “Vademecum: indirizzi utili a Berlino”,  edito dal Comites. Una prima edizione che si prefigge di raccogliere, in un unico strumento di consultazione da distribuire ai connazionali, tutte le associazioni, i gruppi o  i blog che agiscono e lavorano sul territorio. Con questa pubblicazione, consultabile all’indirizzo http://www.comites-berlino-brandeburgo.de/indirizzi-utili, si cerca inoltre di evidenziare sia il ruolo di moltiplicatore insito in questa realtà, sia valore sociale che svolgono le associazioni nel costruire relazioni e rapporti, che sono alla base della società italo-tedesca berlinese.

Nella nota si precisa inoltre come il lavoro di raccolta dei dati non sia stato facile e manchino ancora all’appello le risposte di varie iniziative presenti sul territorio. Ma la speranza è che questa pubblicazione rappresenti solo il primo passo di un ampio disegno basato sulla proficua collaborazione di tutte le strutture presenti sul territorio. 

Nel corso della cerimonia è stato infine presentato in anteprima un  sondaggio  realizzato dal Comites in collaborazione  con l’Università di Postdam  e patrocinato dal consolato di Berlino la cui pubblicazione è prevista a breve. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes