direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Concluso corso “Mountain Warfare” per militari afgani

MINISTERO DELLA DIFESA

Nel quadro della missione Resolute Support

HERAT – Concluso nei giorni scorsi il corso “Mountain Warfare” organizzato dai militari italiani in Afghanistan e destinato ai colleghi afgani. L’attività rientra nella missione Resolute Support

​L’apprendimento dei principali nodi, delle manovre di cordata, delle tecniche di discesa in corda doppia e di risalita di corda fissa nonché l’uso di teleferica per il trasporto dell’armamento di reparto, sono solo alcuni degli obiettivi di apprendimento inseriti nel programma didattico previsto per il corso di “Mountain Warfare” organizzato dal Train Advise Assist Command West (TAAC W) a favore di dieci militari dell’ Afghan National Army (ANA) ossia l’Esercito afgano.

Il corso – condotto da tutto il personale di TAAC W ed in particolare da istruttori del Centro Addestramento Alpino di Aosta – è durato tre settimane e si è concluso con una esame finale valido per il conseguimento dell’abilitazione al combattimento in alta quota, che ha avuto luogo su una falesia naturale attrezza per l’occasione e situata a circa 20 chilometri di distanza dalla base di Camp Arena.

Questo tipo di addestramento è nato dalle richieste di supporto espresse dal comandante del 207° Corpo d’Armata afgano per rendere ancor più aderente l’addestramento dei propri militari con la morfologia del territorio. Grande soddisfazione è stata manifestata dagli istruttori del contingente italiano, su base Brigata “Sassari”, per i risultati conseguiti e la prestazione fornita dagli allievi durante le attività pratiche del corso “Mountain Warefare”.

L’obiettivo della missione Resolute Support consiste proprio nell’addestramento, nell’assistenza e nella consulenza delle Forze di sicurezza afgane, ed in tale ottica si inserisce anche il corso “Mountain Warfare”.

L’attuale contributo nazionale prevede, dal 1° gennaio al 30 settembre 2018, un impiego massimo di 900 militari, 148 mezzi terrestri e 8 mezzi aerei, suddivisi tra personale con sede a Kabul, e contingente militare italiano dislocato ad Herat presso il TAAC-W. La componente principale delle forze nazionali è attualmente costituita da personale proveniente dalla Brigata “Sassari” dell’Esercito Italiano, con un significativo contributo di personale e mezzi. dell’Aeronautica Militare e dell’Arma dei Carabinieri, (Inform)

Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes