direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Concerto jazz con il quintetto di Riccardo Del Fra: “Hoffnung-Espoir-Nadzieja-Speranza”

MUSICA

Il 20 marzo ad Amburgo

AMBURGO – L´Istituto Italiano di Cultura di Amburgo organizza, in collaborazione con la Federazione Jazz, il 20 marzo alle ore 19, presso lo StageClub di Amburgo, il concerto jazz con il Quintetto di Riccardo Del Fra: Tomasz Dabrowski (tromba), Jan Prax (contralto e saxofono soprano), Carl-Henri Morisset (pianoforte), Cuba Gudz (batteria), Riccardo Del Fra (contrabbasso e composizione).

Il progetto “Hoffnung-Espoir-Nadzieja” è iniziato sotto commissione della Fondazione Genshagen di Berlino, nell’ambito delle celebrazioni per il 25 ° anniversario della fondazione del Trio di Weimar e avrebbe dovuto mettere in evidenza il legame culturale tra Francia, Germania e Polonia. L’idea di base di Riccardo Del Fra era quella di scrivere musica che simboleggiasse “speranza” in tutte le sue forme. Per la composizione sono state usate le tecniche classiche e d’improvvisazione – soprattutto, ma non solo, nell’idioma jazzistico. Questo ha creato una musica ibrida che esalta la ricchezza e la diversità della loro reciproca permeabilità.

Nel marzo 2017, il trio è diventato un quartetto quando il Parlamento italiano ha invitato a Roma Riccardo Del Fra. “Speranza” faceva parte della celebrazione dell’anniversario della firma del trattato di Roma, che in seguito ha portato alla fondazione dell’Unione europea. A sessant’anni da questo momento storico, Riccardo Del Fra ha presentato il suo progetto nel luogo in cui sono stati firmati i contratti: nella Sala Regina di Palazzo Montecitorio.

Per questo progetto, Riccardo Del Fra ha selezionato giovani musicisti che sono sia profondi conoscitori della tradizione jazzistica e sia aperti ad altri generali musicali.

Biglietti a 19 euro / Ridotto a 14 euro (eventualmente più tasse) tramite stageclub.de o al botteghino. I membri dell’Istituto Italiano di Cultura pagano la tariffa ridotta al botteghino dietro presentazione della loro tessera associativa. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes