direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Ciclo “Los descendientes”, ospite l’attore Jorge Marrale

EVENTI

Il 30 luglio all’Istituto Italiano di Cultura, Buenos Aires

BUENOS AIRES – Lunedì 30 luglio alle ore 18.30, secondo appuntamento dell’anno con “Los descendientes”, ciclo di interviste a grandi personalità di origine italiana del mondo dello spettacolo e della cultura argentini. Ospite dell’Istituto Italiano di Cultura, nel Salone Benedetto Croce, sarà questa volta l’attore Jorge Marrale che, in dialogo con il giornalista e curatore del ciclo Luis Mazas, ripercorrerà i passi della sua carriera artistica alla luce delle proprie origini italiane.

Nato il 30 giugno 1947, Jorge Marrale è un attore drammatico. Figlio di un italiano, impara ad amare l’arte grazie allo zio calabrese e si diploma presso il Conservatorio dell’Arte con uno dei voti più alti. Attualmente, è protagonista di uno degli spettacoli di maggior successo della scena teatrale porteña, “Servo di Scena” di Ronald Harwood, insieme ad Arturo Puig. Debutta sulla scena negli anni ’80 con lo spettacolo “Matrimonio Bianco” di Tadeuz Rozewic, dando il via così ad una lunga carriera che lo porta a vincere il Premio ACE del 1997 per l’interpretazione del personaggio di Trigorin ne “Il Gabbiano” di Cechov.

Insieme a Darío Grandinetti, Juan Leyrado, Hugo Aran e Miguel Angel Solá ha formato il prestigioso gruppo “I Moschettieri”. Ha preso parte a grandi successi televisivi quali Ciclo de Teatro Argentino, gli speciali di Alejandro Doria, i film tv “Compromiso”, “Atreverse”, “Fiscales”, “Vulnerables” e a telenovelas come “Cosecharás tu siembra” (Martín Fierro 1992) y “Vidas robadas” (Martín Fierro y Premio Clarín 2009) tra gli altri.

Molte le sue apparizioni anche nel mondo del cinema, tra i cui successi spiccano i film “Los amores de Kafka” (Premio Biarritz 1988) e “Cómplices” (Cóndor de Plata 1999). Ha vinto numerosi premi come il María Guerrero, il Trinidad Guevara e il premio ACE per “El juego del bebé” di Edgar Albee (2002); il Premio dell’Accademia del cinema per i film “Las Manos” (2007) e “Francisco, El padre Jorge” (2015). È stato inoltre insignito dei premi Clarín, ACE e ACE de Oro per “Baraka” (2009), oltre ad aver ricevuto il Cóndor d’argento per “Cordero de Dios” (2009).

Tra le sue più recenti apparizione sul grande schermo ci sono “Maracaibo” e “La valija de Benavídez” (2017).

Ingresso gratuito previa registrazione obbligatoria. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes