direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Christian Filippella (coordinatore Maie, Los Angeles) sull’eliminazione della possibile restrizione sul riconoscimento della cittadinanza italiana ius sanguinis

PARTITI

“Un riconoscimento dei diritti di tutti coloro nelle cui vene scorre vero sangue italiano”

 

LOS ANGELES – Christian Filippella, coordinatore del Movimento Associativo Italiani all’Estero (Maie) di Los Angeles, esprime in una nota la sua soddisfazione per l’eliminazione della possibile restrizione sul riconoscimento della cittadinanza italiana ius sanguinis inizialmente annunciata a proposito del decreto legge sulla protezione internazionale, l’immigrazione e la cittadinanza voluto dal Ministro dell’Interno, Matteo Salvini. Limitazione poi stralciata, come segnalato dall’intervento del sottosegretario agli Esteri, Ricardo Merlo (vedi Inform di ieri).

Per Filippella si tratta di un “riconoscimento dei diritti di tutti coloro nelle cui vene scorre vero sangue italiano”. “Chi è partito anni orsono, anche se non è più tornato, è comunque da considerarsi una risorsa, un patrimonio umano e culturale, un valore aggiunto per la nostra identità – afferma il coordinatore del Maie.

“ I nostri emigrati – prosegue Filippella – sono stati spesso costretti a lasciare il proprio paese per assicurare a se stessi e ai loro figli un futuro migliore, un futuro che potesse realizzare speranze e sogni. Non si può negare un diritto sacrosanto e fondamentale acquisito alla nascita a coloro che hanno dietro di sé un passato di sacrifici e di sudore, di sofferenza e di rinunce, il passato delle loro famiglie, di cui vanno orgogliosi”.

“Gli italiani all’estero e i loro discendenti – conclude Filippella – sono un patrimonio da tutelare e valorizzare, una forza trainante, una comunità con una visione più ampia e un maggiore intendimento dei problemi attuali, un punto di riferimento anche per chi non è mai partito. Non riconoscere questi diritti vorrebbe dire negare i valori stessi su cui la nostra patria è stata fondata”. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes