direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Celebrazione della Festa della Repubblica Italiana a San Gallo

ASSOCIAZIONI

Da Solidali & Insieme, foglio del Movimento Solidarietà e Progresso della Svizzera Orientale e del Liechtenstein, 10.6. 2019

SAN GALLO (Svizzera) – Il 2 e 3 giugno 1946 si tenne il referendum istituzionale indetto a suffragio universale con il quale gli italiani venivano chiamati alle urne per esprimersi sulla forma di governo del loro Paese: monarchia o repubblica. Dopo 85 anni di regno gli italiani decisero per la Repubblica.

La nascita di questa Repubblica è stata festeggiata sabato 1° giugno a San Gallo con la Comunità Italiana della Svizzera Orientale.

“Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società”.

Con questa citazione e queste parole, Paolo De Simeis, consigliere del Comites della Svizzera Orientale ha iniziato il suo discorso ufficiale davanti ad una nutrita collettività, accorsa dai vari Cantoni.

La Sala Italia della Casa Sant’Antonio era affollata di cittadini italiani, di ospiti svizzeri venuti appositamente, di cantori (era presente come negli anni trascorsi la Corale Santa Cecilia di Rorschach) di tecnici e operatori pronti a servire il rinfresco finale.

A prendere la parola per primo, per salutare tutti gli intervenuti, è stato il prof. Rolando Ferrarese, responsabile del Centro Culturale italiano sangallese che ha sostenuto l’onore e l’onere dell’organizzazione della festa. Dopo le sue brevissime parole, il Maresciallo dei Carabinieri a.r., Monticelli, ha ordinato gli onori alla Bandiera e subito dopo il maestro Ambrosi ha fatto intonare alla corale “Siamo figli del Sud” il cui ritornello è stato cantato con passione da tutti gli astanti.

È subito intervenuto a dare il benvenuto il Presidente del Comites che ha espresso la sua meraviglia per la larga partecipazione, oltre le attese, nono-stante il periodo di festa, che di solito induce gli italiani a giorni di vacanza in Italia.

Fa sempre un certo effetto vedere come all’estero il legame con le proprie istituzioni sia ancora più sentito di quanto non lo sia in Italia.

Erano presenti, oltre ai “padroni di casa” (il presidente del Comites cav. Sergio Giacinti e quello del Centro culturale), il Console Generale d’Italia in Zurigo dr. Giulio Alaimo, il Segretario Generale del Consiglio degli Italiani all’Estero l’Assessore della Città di San Gallo, Maria Pappa, il Direttore Generale del Dipartimento degli Interni del Cantone di San Gallo Davide Scruzzi, l’assessore Emerito, cav. Fredy Brunner, il Presidente del Comites di Zurigo cav. Luciano Alban, i Consiglieri Comites sangallesi Gianluca Palmisano e Franco Coronelli, Cavalieri e Commendatori della Repubblica, il Presidente del PD in Svizzera, Alessio Tacconi, il neo presidente dell’Ente Lingua e Cultura, Filippo Barbarotto, e molti presidenti di Associazione di San Gallo, Turgovia e Appenzell, Corrispondenti consolari, una rappresentanza degli Alpini e dell’Associazione Carabinieri e molti soci della AAA Associazione Aiuto Anziani di San Gallo.(Solidali & Insieme del 10 giugno 2019 /Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes