direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Avviato l’esame istruttorio sulla relazione relativa a riforma degli IIC e interventi di promozione culturale del 2017

CAMERA DEI DEPUTATI

Ieri la riunione del Comitato sugli Italiani nel mondo e la Promozione del Sistema Paese

Numeri ed attività contenuti nella relazione redatta dal Maeci per il Parlamento sono stati illustrati dalla relatrice Mirella Emiliozzi. Presente anche il sottosegretario agli Esteri Ricardo Merlo

 

ROMA – Il Comitato permanente sugli Italiani nel mondo e la Promozione del Sistema Paese della Camera dei Deputati ha avviato ieri l’esame istruttorio della relazione al Parlamento sull’attività svolta per la riforma degli Istituti Italiani di Cultura e sugli interventi per la promozione della cultura e della lingua italiane all’estero del 2017.

Ad illustrare la relazione, redatta annualmente dal Maeci, la relatrice Mirella Emiliozzi, che ha sottolineato in premessa come il settore culturale costituisca parte della promozione “integrata” che il Maeci realizza attraverso la sua rete diplomatico-consolare e come il nostro Paese sia “tra le maggiori potenze culturali al mondo”, patrimonio che ha rilevanza fondamentale anche per il ritorno economico che una strategia efficace di promozione può determinare. Anche il Comitato potrà fornire un “contributo qualificato e coerente” all’internazionalizzazione del Paese nelle sue diverse componenti – sostiene la relatrice, che ha poi presentato azioni e numeri attraverso cui la promozione culturale viene messa in campo dalla Farnesina. In primo luogo, gli IIC, 84 strutture con un organico di 101 funzionari e 7 dirigenti in servizio; poi la dotazione finanziaria ministeriale, quantificata in 16,82 milioni di euro nel 2017 e passata a 20,79 milioni di euro previsti per il 2019, e a cui vanno aggiunti i 150 milioni di euro per il quadriennio 2017-2020 riconducibili al Piano di promozione integrata; le scuole italiane all’estero – 8 statali, 42 paritarie e 2 non paritarie; le sezioni italiane presso le scuole straniere – 86 –  e il numero di studenti; il personale scolastico di ruolo – 624 unità, di cui 110 lettori di italiano presso università straniere; i contributi erogati alle scuole italiane all’estero – che ammontano complessivamente a 2,92 milioni di euro, cui si aggiungono 520 mila euro per l’innovazione digitale; e le spese per il personale – nel 2017 pari a 50 milioni di euro.

Tra i numerosi dati richiamati, anche quello del numero degli studenti iscritti a corsi universitari di lingua italiana per l’anno accademico 2016/17, che è stato di 234.082; e le risorse destinate all’insegnamento della lingua italiana nelle istituzioni universitarie straniere, pari a 2,07 milioni di euro. Altri elementi della rete della promozione culturale richiamati, gli enti gestori – 95 i destinatari di contributi ministeriali – e gli addetti scientifici.

L’esame avviato dal Comitato “potrà rilanciare – auspica Emiliozzi – una doverosa riflessione sul ruolo chiave del comparto «lingua e cultura italiana nel mondo» per tutte le ricadute significative: per il nostro sistema economico, per l’attrazione degli investimenti esteri, per l’incremento dei flussi turistici e per l’internazionalizzazione del sistema universitario nazionale”. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes