direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Avviata alla Commissione Esteri la discussione sulla legge di Bilancio 2018

CAMERA DEI DEPUTATI

 

Dal relatore Marco Causi gli aspetti salienti della manovra finanziaria. Illustrate le misure volte a valorizzare l’apporto delle comunità italiane nel mondo

 

ROMA – Si è aperta alla Commissione Esteri della Camera dei Deputati la discussione sul Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2018 . Il provvedimento, già approvato dal Senato e che dovrebbe approdare nell’Aula di Montecitorio il 19 dicembre, è stato illustrato dal relatore Marco Causi che ha sottolineato come questo disegno di legge focalizzi gli interventi prioritari su alcune direttrici: in primo luogo, le misure volte a realizzare le clausole di salvaguardia su Iva e accise, che pesano per ben 15 miliardi, e le riforme e le diverse policy approvate negli ultimi anni, che hanno ridotto ulteriormente il differenziale del nostro Paese rispetto alla media dell’Unione europea e hanno restituito credibilità all’Italia. Per quanto riguarda le misure specifiche , Causi ha rilevato come il provvedimento focalizzi gli interventi su alcune direttrici prioritarie: in primo luogo le iniziative volte a sterilizzare le clausole di salvaguardia su IVA e accise, gli interventi per la crescita, la promozione dell’occupazione e il sostegno sociale alle fasce più deboli della popolazione; a queste si aggiungono le misure settoriali, per lo sviluppo del Mezzogiorno e per gli enti territoriali; infine, le misure per il contenimento della spesa e per il contrasto all’evasione e all’elusione fiscale.

Per quanto attiene ai principali interventi rientranti negli ambiti di competenza della Commissione, il relatore si è soffermato sugli stanziamenti a supposto della partecipazione italiana alle organizzazioni multilaterali, sia a carattere regionale che universale, ed a grandi iniziative promosse dalla comunità internazionale. Il disegno di legge di bilancio 2018 autorizza, in primo luogo, la spesa di 3 milioni di euro per l’anno 2018 per fare fronte agli oneri correlati alla presidenza in esercizio italiana dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), che il nostro Paese assumerà dal 1o gennaio al 31 dicembre 2018 . Parallelamente, a seguito dell’approvazione di un emendamento nel corso dell’esame al Senato, è stata prevista un’autorizzazione di 3 milioni per l’anno 2018, destinati ad avviare la preparazione della partecipazione italiana ad Expo Dubai 2020. Causi ha anche segnalato, per quanto attiene alla gestione del personale alle dipendenze Maeci, l’adozione di norme volte ad uniformare la base imponibile e contributiva dei redditi percepiti dal personale assunto in loco dalle rappresentanze diplomatiche, dai consolati, dagli istituti di cultura e dalle scuole statali all’estero. Disposto inoltre l’incremento di 100 unità del contingente del personale a contratto assunto in loco. Una proposta emendativa introdotta al Senato ha anche previsto l’assunzione di 75 dipendenti a tempo indeterminato per ciascuno degli anni 2018 e 2019 (comma 163). Dal relatore è stato poi rilevato come, sul piano della valorizzazione dell’apporto delle comunità italiane nel mondo, dal disegno di legge, a seguito delle modifiche introdotte dal Senato, vengano previste una serie di misure a carattere finanziario : 1 milione di euro per l’anno 2018 e 1,5 milioni a decorrere dal 2019 per la promozione della lingua e cultura italiana all’estero, con particolare riferimento al sostegno degli enti gestori di corsi di lingua e cultura italiana all’estero; 400.000 euro per l’anno 2018 a favore del Consiglio generale degli italiani all’estero; 100.000 euro per l’anno 2018 a favore dei Comitati degli italiani all’estero; 600.000 euro a decorrere dal 2018 per adeguare le retribuzioni del personale a contratto assunto dalle rappresentanze diplomatiche, dagli uffici consolari di prima categoria e dagli istituti italiani di cultura; 400.000 euro a decorrere dal 2018 a favore delle agenzie di stampa specializzate per gli italiani all’estero che abbiano svolto tale servizio per il Maeci da almeno 5 anni; 500.000 euro per l’anno 2018 a integrazione della dotazione finanziaria per contributi diretti in favore della stampa italiana all’estero; 1 milione di euro per il 2018 a favore delle Camere di commercio italiane all’estero. Segnalata anche dal relatore  l’introduzione in sede di esame al Senato di misure finalizzate all’efficientamento del Fondo rotativo per la concessione di contributi agli interessi per il finanziamento di crediti all’esportazione e per il finanziamento parziale della quota di capitale di rischio di imprese italiane in imprese all’estero.  A conclusione del suo intervento il relatore, dopo aver richiamato il quadro delle risorse programmate per il 2018 a supporto di due importanti ambiti d’intervento come la cooperazione allo sviluppo e la partecipazione del nostro Paese alle missioni internazionali, ha preannunciato,  anche a motivo dell’opportunità e della congruenza delle proposte emendative apportate dal Senato, la presentazione di una relazione favorevole sul provvedimenti in discussione , riservandosi di integrarne il testo sulla scorta delle indicazioni che emergeranno nel corso del dibattito. (Inform

 

Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes