INFORM - N. 28 - 4 febbraio 2005

DIPLOMAZIA

Benedetto Amari e Alessandro Fallavollita, Ambasciatori d’Italia ad Asuncion e a Sarajevo

ROMA - Nuove nomine alla Farnesina. Benedetto Amari e Alessandro Fallavollita sono rispettivamente i nuovi Ambasciatori d’Italia ad Asuncion (Paraguay) e a Sarajevo (Bosnia e Erzegovina). Le nomine , recentemente deliberate dal Consiglio dei Ministri sono state rese note a seguito del gradimento dei Governi interessati.

BENEDETTO AMARI, AMBASCIATORE D’ITALIA AD ASUNCION, è nato a Partanna (Trapani) il 27 luglio 1940. Si laurea in Scienze Politiche presso l’Università "Cesare Alfieri" di Firenze nel 1964 ed entra in carriera diplomatica nel 1967.

Tra gli incarichi ricoperti nel corso della carriera, dopo essere stato assegnato alla Direzione generale per gli affari politici, nel 1969 è a Lusaka e nel 1973 a Bonn.

Rientrato a Roma nel 1976, è nuovamente assegnato alla Direzione generale per gli affari politici fino al 1979, quando diviene Consigliere a Washington. Dal 1983 al 1986 è ancora a Bonn quale Primo Consigliere per la stampa e l’informazione.

Nuovamente al Ministero, è assegnato alla Direzione generale per gli affari politici, di cui è nominato Vice Direttore generale nel 1994, dopo essere stato promosso nel 1990 Ministro plenipotenziario.

Nel 1999 è nominato Ambasciatore a New Delhi.

Dal 2004 è in carico alla Direzione generale per i paesi dell’Asia, dell’Oceania, del Pacifico e l’Antartide.

ALESSANDRO FALLAVOLLITA, AMBASCIATORE D’ITALIA A SARAJEVO, è nato a Corfino (L’Aquila) il 14 ottobre 1946. Si laurea in Scienze Politiche presso l’Università di Firenze nel 1970 ed entra in carriera diplomatica nel 1972.

Tra gli incarichi ricoperti nel corso della carriera, dopo essere stato assegnato alla Direzione generale per la cooperazione culturale, scientifica e tecnica, nel 1976 è a Bruxelles presso la Rappresentanza permanente d’Italia presso la CEE e nel 1980 è Console a Smirne.

Rientrato al Ministero nel 1984, presta servizio presso la Direzione generale per gli affari economici fino al 1986, quando diviene Consigliere commerciale a New Delhi. Nel 1988 è nuovamente destinato alla Rappresentanza permanente d’Italia presso la CEE a Bruxelles con funzioni di Primo Consigliere per l’emigrazione e gli affari sociali.

Dal 1992 al 1994 è Primo Consigliere a Il Cairo e quindi ancora al Ministero alla Direzione generale per gli affari economici.

Nel 1997 è nominato Ambasciatore a Baku e l’anno successivo è promosso Ministro plenipotenziario.

Di ritorno a Roma nel 2001, è assegnato alla Direzione generale per i paesi dell’Europa per attività inerenti alla presidenza italiana dell’INCE e quale Coordinatore dell’Iniziativa Adriatico-Ionica.

Dal 2002 è Presidente del Comitato Interministeriale per i Diritti Umani. (Inform)

 


Vai a: