* INFORM *

INFORM - N. 248 - 3 dicembre 2004

SCAMBI CULTURALI

Ugl: donne irachene e donne italiane un sodalizio che continuerà

ROMA - Si è concluso ufficialmente il 2 dicembre a Roma, presso la sede della Confederazione Sindacale dell’Ugl, alla presenza del Direttore generale per i Paesi del Mediterraneo e del Medio Oriente del Ministero degli Esteri, Riccardo Sessa, e di Paola Della Casa, consulente task force Iraq Dgmm/Mae, il programma di scambio culturale con una delegazione di donne-lavoratrici irachene organizzato in collaborazione tra la Farnesina e il sindacato di via Margutta.

Tra le altre iniziative attuate, vi è stata una "tavola rotonda" intitolata "Politiche sociali e soluzioni per l’impiego: conciliazione dei tempi della vita e del lavoro", che ha suscitato un grande dibattito sulle pari opportunità in Italia e in Iraq e sulle difficoltà che le donne irachene trovano nel valorizzare agli occhi dei propri mariti il tempo sottratto alla famiglia. Per molte di esse il lavoro non rappresenta ancora una conquista o una libera scelta, piuttosto quasi un obbligo dovuto ad ovvie necessità economiche. Ma le donne irachene ospiti dell’Ugl hanno mostrato di avere una grande consapevolezza della loro indispensabile funzione nella famiglia e nella società. Così hanno accettato di buon grado l’invito rivolto loro da Riccardo Sessa di considerarsi "ambasciatrici" dell’Italia in Iraq per raccontare alle loro famiglie, agli amici e al popolo iracheno lo spirito con cui l’Italia porta avanti il suo impegno nel loro Paese che è quello di portare la pace e la solidarietà. "Il profondo rapporto che noi dell’Ugl abbiamo stabilito in questi giorni con le nostre amiche irachene non si esaurirà con la loro partenza - ha detto in conclusione il vice segretario generale dell’Ugl, Renata Polverini - continueremo a seguirle nel loro lungo percorso verso la democrazia e l’emancipazione".

Agli incontri ha partecipato anche Nazzareno Mollicone, dirigente dell’Ufficio Studi dell’UGL che rappresenta la Confederazione nel CGIE. (Inform)


Vai a: