* INFORM *

INFORM - N. 216 - 26 ottobre 2004

Seminario internazionale sui 50 anni di presenza dell’Inca in Belgio

Azioni e conquiste per il progresso della legislazione sociale. Storie, esperienze, prospettive

BRUXELLES - In occasione dei suoi primi 50 anni di presenza e d’attività in Belgio, il 28 e 29 ottobre si svolgerà a Bruxelles, presso il Palazzo della Confederazione Europea dei Sindacati, un Seminario Internazionale sul tema: Azioni e conquiste per il progresso della legislazione sociale. Storie, esperienze, prospettive

Il Seminario sarà l’occasione per mettere a fuoco come, in questi cinquant’anni di presenza in Belgio, in Italia e nel Mondo, i Patronati Inca hanno contribuito al progresso e al miglioramento delle legislazioni sociali nei diversi Paesi, in Europa, come negli altri continenti.

I lavori della prima giornata saranno dedicati alla ricostruzione storica e politica della presenza INCA in Belgio ed alla presentazione del nuovo "Osservatorio Inca Cgil per le politiche sociali in Europa".

Il secondo giorno interverranno rappresentanti ed esperti dell’Inca di Europa, Nord America, America Latina, Oceania e Africa.

Oltre al Presidente dell’Inca Aldo Amoretti, al Presidente dell’Inca Belgio Elio Carozza e al Segretario Esteri Antonio Bruzzese, parteciperanno ai lavori l’Avvocato Jacques Moins, l’europarlamentare Pier Antonio Panzeri, Morena Piccinini della Segreteria Nazionale Cgil, Walter Cerfeda (Segretario Confederazione Europea dei Sindacati), Luigina De Santis (Presidente Ferpa, Federazione Europea dei sindacati dei pensionati e degli anziani), Susanna Florio (Cgil Europa), Italo Stellon (Coordinatore Sistema Servizi Cgil). Prenderanno inoltre la parola rappresentanti delle istituzioni sociali belghe (Fonds des Maladies Professionnelles, Union Nationale des Mutualités Socialistes, Office Nationa des Pension) e del Sindacato FGTB.

Il pomeriggio del 29 ottobre una rappresentanza dell’Inca, composta da delegati provenienti da tutto il mondo, si recherà a Marcinelle, al Bois du Cazier, presso il sito della catastrofe mineraria del 8 agosto 1956, in cui presero la vita 262 lavoratori, di 12 nazionalità diverse, fra cui 136 italiani e 95 belgi.

Il ruolo giocato dall’Inca in quella tragica vicenda fu di notevole importanza: la struttura dell’Inca Belgio, grazie principalmente all’avvocato Jacques Moins, fu infatti in prima linea per tutto il procedimento giudiziario, in difesa dei diritti dei lavoratori, delle vittime e delle loro famiglie. (Inform)


Vai a: