* INFORM *

INFORM - N. 164 - 8 agosto 2004

Marcinelle: il messaggio dell’UNAIE all’Ambasciatore d’Italia in Belgio

ROMA - Nella ricorrenza del 48° anniversario della tragedia di Marcinelle in cui trovarono la morte 262 minatori europei di cui 136 di nazionalità italiana, l’UNAIE, in un messaggio all’Ambasciatore d’Italia in Belgio Massimo Macchia, segnala di aver invitato le Federazioni e le Associazioni regionali e provinciali aderenti "a rendere omaggio alla memoria degli eroi della nostra emigrazione con un momento di raccoglimento e di riflessione sul valore simbolico di una tragedia che riaggrega ed unisce tutti gli italiani che vivono in ogni angolo della terra".

"Conservare la memoria storica, dare voce e rendere omaggio ai caduti di Marcinelle, cioè a quegli uomini coraggiosi che sono stati i primi, i veri precursori dell’Europa dei popoli, significa _- così prosegue il messaggio - comprendere la tragedia e l’esperienza dolorosa di milioni di nostri migranti sulle strade del mondo ma anche capire con un’ottica responsabile i disperati di oggi che bussano alle nostre porte".

A nome dell’UNAIE, la celebrazione della "Giornata nazionale del sacrificio e del lavoro Italiano nel mondo" è stata tenuta dall’avvocato Mimmo Azzia al secondo raduno estivo 2004 delle Associazioni culturali siciliane in Lombardia che ha avuto luogo ad Agira (Enna) sabato 7 agosto alla presenza delle Istituzioni nazionali e regionali.

"Spiritualmente vicino alle celebrazioni di Charleroi - così termina il messaggio all’Ambasciatore Macchia -, l’UNAIE rivolge a Lei, alle Istituzioni presenti alla cerimonia ed ai parenti dei Caduti, un pensiero fraterno e solidale". (Inform)


Vai a: