* INFORM *

INFORM - N. 130 - 23 giugno 2004

I lavori della Commissione Mista Italia-Tunisia

ROMA - Presieduta dai Ministri degli Affari Esteri Franco Frattini e Habib Ben Yahia, si è conclusa alla Farnesina la quinta sessione della Commissione Mista italo-tunisina con la partecipazione dei responsabili di tutti i Ministeri interessati. La riunione ha consentito un esame approfondito dei rapporti tra Italia e Tunisia in particolare nei settori degli investimenti e degli scambi commerciali, della cooperazione allo sviluppo, della collaborazione scientifica e culturale, della cooperazione in campo migratorio.

Nel settore economico, i Ministri Frattini e Ben Yahia hanno valutato il processo di privatizzazione delle aziende tunisine, seguito con interesse dal mondo imprenditoriale italiano. I Ministri hanno anche concordato una serie di nuove iniziative in campo bancario, agricolo, del commercio elettronico, delle infrastrutture portuali, della pesca e dell'imballaggio. In materia di cooperazione allo sviluppo, è stato verificato il positivo stato di attuazione di numerosi progetti in corso nei settori delle piccole e medie imprese, dell'agricoltura e dell'ambiente.

Nell'ambito della crescente collaborazione culturale e scientifica, è stato discusso il nuovo programma esecutivo dell'accordo culturale, scientifico e tecnologico, che comprende importanti progetti in campo sanitario, tra i quali la collaborazione avviata a maggio scorso tra gli ospedali Cardarelli di Napoli e Charles Nicolle di Tunisi, e nel campo dell'informazione, con la recente apertura a Tunisi della scuola delle scienze e tecnologie dei media. I Ministri hanno concordato iniziative comuni per una più efficace lotta all'immigrazione clandestina e per la formazione, in collaborazione con le regioni, di lavoratori tunisini in settori di interesse per le imprese italiane.

Al termine della commissione mista, il Ministro Frattini ha avuto un lungo, cordiale colloquio con il collega Ben Yahia, centrato principalmente sulle prospettive del processo di pace in Medio Oriente, sugli sviluppi della situazione in Iraq e sul rilancio del dialogo e della cooperazione con la regione mediterranea e mediorientale anche in vista del Vertice della Nato della settimana prossima a Istanbul. Sono state inoltre esaminate le prospettive della questione del Sahara occidentale e del rafforzamento della cooperazione con le regioni italiane. I ministri hanno infine esaminato le possibilità di ulteriore collaborazione tra imprese dei due paesi anche su mercati terzi. (Inform)


Vai a: