* INFORM *

INFORM - N. 122 - 12 giugno 2004

Domenico Pisano (Azzurri nel Mondo): i risultati elettorali

LOS ANGELES - Come al solito, tutti vincitori e tutti vinti: ma quando finira' in Italia questo balletto vergognoso di interpretazioni settoriali e di comodo di numeri che sono incontrovertibili? Quando si finira' di assistere alle evoluzioni dei politici durante i commenti a caldo (ma anche a freddo) per giustificare alternanze ed oscillazioni tipiche dell'elettore italiano che e' sempre estremamente critico e contestatore anche verso chi ha eletto il giorno prima, ma anche impovvisamente simpatizzante verso chi non tollerava.

Certamente e' difficilmente comprensibile ed intollerabile per chi ascolta che certi media (vero Pansa?) siano piu' estremisti, nelle loro opinioni politiche, dei leader politici che sostengono.

Mentre scrivo si stanno ancora succedendo i dati elettorali, che quindi non so quali risultati daranno a fine spoglio: capisco pero' solamente che la sinistra cosidetta democratica continua a non avere la minima possibilita' di presentarsi come forza di Governo alternativa a quello attuale, visto che non riesce a diventare maggioranza senza i voti dei partiti dell'estrema sinistra, dei verdi, e di quel disgustoso personaggio che risponde al nome di Di Pietro (ma perche' non ha continuato a fare il poliziotto, suo mestiere naturale?), sinistrorso di comodo e fascista di morale convinzione.

Se le cose stanno cosi', sono abbastanza certo che gli Italiani tutti mai appoggieranno la deviazione comunista nel nostro sistema sociale, visto che tutti sanno come, storicamente, i regimi comunisti hanno sempre ed invariabilmente portato al crollo economico sociale ed alla dittatura, nei Paesi dove hanno governato.

D'altronde, cosa ci aspettiamo da politici esponenti di partiti che, oltre ad essere antiamericani per principio, sostengono ed appoggiano i "disobbedienti", che sono reazionari in piena violazione di ogni principio di diritto costituzionale e penale, od i patetici "girotondini", od i "black-block", criminali autentici di infimo profilo?

Il centro destra pero', anzi specificatamente "Forza Italia" non puo' certamente andare fiero dei risultati elettorali di questa tornata, sia per cio' che concerne l'Europa che per le elezioni amministrative, dove sono state tenute: e cio' indipendentemente da quelli che saranno i risultati definitivi dei probabili molti ballottaggi.

Sono uno di quelli che, nato profondamente liberale, sia per educazione che per mio convincimento filosofico, ritengo Forza Italia, oggi, sia la maggiore espressione possibile degli ideali liberali che furono di Malagodi (che i piu' anziani ricordano).

Una convinzione rafforzata dal programma di Governo che, in corso di attuazione, ritengo stia veramente cambiando l'Italia, modernizzandola e mettendola al passo con le democrazie e le economie piu' avanzate, e che ha messo mano alle riforme piu' scomode e meno popolari, pur di non fare rimanere il nostro Paese quel fanalino di coda che era diventato durante tanti Governi di centro-sinistra, ridottisi ad un conservatorismo di comodo, pur di non pregiudicarsi favori e voti di quella sinistra senza la quale non hanno speranze di successo alcuno.

E tutto questo, nell'ambito di una congiuntura internazionale assai critica che ci penalizza quanto gli altri Paesi occidentali e maggiormente industrializzati, ma che, nonostante l'euro, ci vede in posizione assai migliore di Francia, Germania ed Inghilterra.

Tutto quanto sopra riaffermato, e non per la prima volta, bisognerebbe pero' essere ciechi e sordi per non capire che la flessione di Forza Italia ha cause precise, oltre che quelle fisiologiche che colpiscono invariabilmente il partito di maggioranza relativa all'interno di una coalizione che governa, sopratutto in frangenti cosi' difficili come quelli attuali.

Quali queste cause? Mi si perdoni la presunzione e, forse alcune sensazioni particolari per chi vive ed opera all'estero come me da piu' di un trentennio, ma il Presidente del Consiglio, circondato forse da troppe sirene, dovrebbe prendere per mano il partito, anche attraverso uomini validi e pregnanti sul territorio, per giornalmente informare i cittadini italiani di come e quanto il Governo lavoro al suo programma, degli iter parlamentari e dei risultati; inoltre, dovrebbe avere una particolare attenzione all'opera di quotidiana distruzione che mettono in atto alcuni uomini di sottogoverno, ostacolando scientificamente l'attivita' di Ministeri ed Enti Statali e parastatali! E questo nelle forme e nei modi piu' subduli, restando sempre al coperto e facendo rimbalzare su altri o sulla tradizionale "burocrazia" necessaria, i cattivi funzionamenti dell'attivita' dell'Amministrazione dello Stato. (Domenico Pisano, Coordinatore Azzurri nel Mondo West USA)

Inform


Vai a: