INFORM - N. 234 - 16 dicembre 2011


GIORNATA INTERNAZIONALE DEI MIGRANTI

Scalabriniani: con la Chiesa, con i migranti e con la società civile

 

ROMA - La Rete internazionale Scalabrini per le migrazioni ,che rappresenta le organizzazioni e le missioni della Congregazione dei missionari scalabriniani per i migranti in 33 nazioni, si unisce “alle organizzazioni della società civile, agli organismi internazionali, alla comunità internazionale e a tutte le comunità migranti” nella celebrazione, il 18 dicembre, della XI Giornata internazionale dei migranti promossa dalle Nazioni Unite.

La Congregazione – si sottolinea in una nota - ha aumentato il suo impegno particolarmente nelle tematiche riguardanti la migrazione e la cultura, la migrazione e il lavoro, la migrazione e la religione, la migrazione e la famiglia, la migrazione e l’etica e la migrazione e la pace. Questo impegno crescente si realizza – prosegue la nota - attraverso una pluralità di strutture ed azioni concrete: l’accompagnamento nell’integrazione attraverso delle comunità religiose interculturali, la ricerca e le pubblicazioni dei centri di studio, l’utilizzo dei media per una visione positiva dei migranti, le presenze in frontiere, in metropoli e in porti marittimi, le case per i migranti, sfollati e rifugiati e i centri di consulenza giuridico-sociale, l’animazione della pastorale migratoria della Chiesa. Le Congregazioni missionarie e le Organizzazioni laicali cattoliche sono chiamate a continuare la loro cooperazione e il loro impegno nei Forum internazionali, regionali e nazionali affinché i valori del Vangelo, la dignità della persona, la trascendenza, la solidarietà e la fraternità siano lievito efficace per l’unità della famiglia umana.

In questa Giornata Internazionale dei Migranti, noi, in comunione con le diversificate azioni pubbliche della società civile, vogliamo: salutare la OIM per i suoi 60 anni a servizio di una migrazione internazionale ben gestita, regolata, legale, efficace e protetta e per la collaborazione con la Congregazione Scalabriniana nella promozione della dignità e i diritti dei migranti in diversi paesi.

Unirci all´impegno della Santa Sede, diventata membro della OIM, nella promozione e protezione dei diritti dei migranti e delle loro famiglie.

Proseguire con la partecipazione agli spazi di dibattito sulla gestione delle migrazioni internazionali, come il Forum Globale sulle Migrazioni e Sviluppo e altre iniziative regionali, oltre a continuare a promuovere il Forum Internazionale su Migrazioni e Pace.

Unirci ai 33 vescovi degli Usa, di origine ispana, che in un’incoraggiante lettera del 12 dicembre riaffermano la loro solidarietà verso tutti i migranti, l’impegno a livello dell’unità della famiglia e della dignità del lavoro e chiedono una “riforma migratoria” giusta, umana e efficace che rafforzi il bene comune dell’Unione americana.

Denunciare l’aumento del razzismo, della discriminazione e della xenofobia nell’Europa in grave crisi economica e di valori. Un aumento motivato da ideologie senza umanesimo e senza Dio, da pratiche politiche securitarie e economiste, dai media e da un’opinione pubblica stigmatizzante verso lo straniero mettendo in pericolo la vita di tutti i cittadini, specialmente i migranti, come avvenuto recentemente in Italia.

Impegnarci nel continuare assieme ai migranti e alle loro associazioni, alle organizzazioni sociali e al mondo accademico, ai media e agli organismi di Governo a livello nazionale ed internazionale, attraverso le nostre specifiche presenze missionarie – missioni, centri ed organizzazioni - a diffondere una cultura dell’accoglienza, della solidarietà, dell’incontro delle culture, del dialogo tra le religioni, della trascendenza di vita e della pace” conclude la nota  della Rete internazionale Scalabrini per le migrazioni”. (Inform)

 


Vai a: