INFORM - N. 216 - 21 novembre 2011


ITALIANI ALL’ESTERO

Da “La Voce d’Italia” di oggi

Caracas, conclusa la missione dell’on. Merlo

 

CARACAS – Si è concluso, con un incontro con alcuni esponenti della nostra Collettività organizzata, il breve soggiorno in Venezuela dell’on. Ricardo Merlo.

L’on Merlo, arrivato a Caracas giovedì scorso, durante la sua permanenza venezolana ha assistito ai lavori del primo Congresso del Maie-Venezuela e ha incontrato i rappresentanti della nostra Ambasciata e del nostro Consolato ma non le personalità del mondo politico nazionale che, ad ultimo momento, hanno rimandato gli appuntamenti apparentemente presi in precedenza.

Presentato dal coordinatore nazionale del Maie-Venezuela, Michele Buscemi, l’on. Merlo ha incontrato una piccola rappresentanza della nostra Collettività organizzata nella ‘Sala Gaetano Bafile’ del Centro Italiano Venezolano. Il parlamentare, con precisione e chiarezza, ha tratteggiato il lavoro che svolgono gli eletti all’estero e informato circa iniziative prese a favore delle nostre Comunità all’estero.

Con grande onestà, che gli fa onore, ha ammesso che purtroppo i risultati ottenuti dagli eletti nella circoscrizione esteri sono stati assai deludenti. A questo punto c’è da chiedersi cosa possa fare un eletto all’estero in liste indipendenti, se chi lo è stato nelle file di un grande partito, come lo stesso on. Merlo ha riconosciuto, ha enormi difficoltà per farsi ascoltare e sostenere dagli stessi colleghi di schieramento.

Poche le domande rivolte all’on. Merlo. Merita, comunque, d’essere citato l’intervento del signor Villani, membro del Comites di Puerto Ordaz, che ha chiesto ai presenti di interessarsi sì alla politica italiana ma ancor più a quella venezolanaperchè, dopo tutto – ha sottolineato – è qui dove viviamo e dove vivono i nostri figli”. Villani ha invitato, quindi, a fare lobby per costruire un paese migliore. (Voce d’Italia/Inform)


Vai a: