INFORM - N. 183 - 4 ottobre 2011


ESTERI

Frattini al convegno “Israele e palestinesi”

Unica strada possibile quella dei negoziati, ma improvvido l’annuncio di mille nuovi insediamenti

 

ROMA - "Non vogliamo né vincitori né vinti", l'Italia ha "molte volte dimostrato di essere in Europa il miglior amico di Israele", ma allo stesso tempo riconosce "i diritti dei palestinesi ed è convinta che lo Stato di Palestina debba essere una realtà". Lo ha detto il ministro degli Esteri Franco Frattini, intervenendo al convegno "Israele e palestinesi: la battaglia dell'Onu e il processo di pace" definendo però "del tutto improvvido" l'annuncio di mille nuovi insediamenti fatto da Israele.

"Chiediamo ai nostri amici israeliani - ha detto Frattini - di aiutarci ad aiutarli. Non ci siamo mai tirati indietro nel difendere il fatto che la sicurezza di Israele non è negoziabile, ma è legittimo che l'Italia ponga questa domanda: perché annunciare proprio ora gli insediamenti quando tutto il mondo si sta adoperando per la ripresa dei negoziati?".

Frattini ha poi ricordato il ruolo importante dell'Europa che é riuscita a "rimanere unita" durante il dibattito all'Onu evitando così una "perdita di credibilità che sarebbe stata irreparabile". Ed ha poi spiegato l'importanza di guardare alla "prospettiva del giorno dopo". I palestinesi hanno cioé bisogno, ha detto il Ministro, "di uno Stato che non nasca monco ma abbia i suoi apparati, le sue funzioni e la sua sicurezza, che non sia naturalmente rivolta contro Israele: bisogna evitare una nuova Gaza in Cisgiordania". Per questo l'unica strada possibile è quella dei negoziati. (Inform)

 


Vai a: