INFORM - N. 241 - 27 dicembre 2010


ONG

L'Egitto arresta 16 profughi africani nel Sinai

Appello all'Alto Commissario per i Rifugiati del Gruppo EveryOne e dell'Agenzia Habeshia

 

ROMA - Il giorno di Natale la polizia di frontiera egiziana ha arrestato in due operazioni distinte 16 profughi eritrei ed etiopi, mentre tentavano di attraversare il confine con lo Stato di Israele. Il Gruppo EveryOne e l'Agenzia Habeshia hanno inviato subito un appello urgente all'Alto Commissario ONU per i Rifugiati António Guterres e contemporaneamente al governo della Repubblica Araba d'Egitto, chiedendo che venga consentito ai migranti di presentare all'agenzia delle Nazioni Unite domanda di protezione umanitaria internazionale o di asilo politico.

EveryOne e Habeshia hanno chiesto inoltre all'Egitto di consentire che i profughi siano consegnati in custodia all'Alto Commissario e non siano costretti a subire la carcerazione e un'eventuale deportazione verso i loro Paesi in crisi umanitaria. Le Ong hanno infine sollecitato un intervento da parte del Parlamento europeo per stabilire un piano di reinsediamento dei profughi negli Stati dell'Unione.  (Inform)

 


Vai a: