INFORM - N. 200 - 27 ottobre 2010


DIPLOMAZIA

Attilio Massimo Iannucci nuovo ambasciatore d’Italia a Pechino

 

ROMA - La Farnesina rende nota la nomina, recentemente deliberata dal Consiglio dei ministri, di Attilio Massimo Iannucci ad Ambasciatore d’Italia a Pechino

Nato a Ceprano (Frosinone) nel 1947, Iannucci si laurea nel 1971 in Giurisprudenza all’Università di Roma e nel 1977 in Scienze politiche all’Università di Firenze. Consegue in Svizzera ed in Italia il Dottorato di Ricerca in Diritto Internazionale. Entra in carriera diplomatica nel 1972.

Dopo un periodo al Ministero presso la Direzione Generale per gli Affari Politici, dal 1975 al 1979 è Console a Losanna e dal 1979 al 1983 Consigliere per la stampa e l’informazione ad Il Cairo. Rientrato a Roma presta servizio presso la Segreteria Generale del Ministero e successivamente ricopre le funzioni di Primo Consigliere a Beirut e di Ministro Consigliere a Pechino.  Dopo aver ripreso servizio, nel 1995, alla Segreteria Generale del Ministero, è Capo della Segreteria Particolare del Sottosegretario di Stato. Nel 1998 viene promosso Ministro Plenipotenziario e nominato Vice Direttore Generale per la Cooperazione allo Sviluppo.

Dal 2003 al 2007, è Ambasciatore d’Italia a Tirana. Rientra quindi al Ministero, dove ricopre le funzioni di Direttore Generale per i Paesi dell’Asia, dell’Oceania, del Pacifico e l’Antartide. Nel 2009 è promosso al grado di Ambasciatore e viene nominato dal Ministro degli Esteri Frattini suo Inviato Speciale per l’Afghanistan e il Pakistan. In tale veste ha fatto parte dell’International Support Group. (Inform)


Vai a: