INFORM - N. 159 - 31 agosto 2010


SVIZZERA

Votazioni cantonali del 26 settembre

Appello del Comitato italo-svizzero a sostegno del diritto di voto per gli immigrati residenti a Basilea

 

BASILEA – “Democrazia. Partecipazione. Diritti per tutti”: il Comitato italo-svizzero (*) lancia un appello a sostegno del diritto di voto per gli immigranti residenti a Basilea-Città.

Di seguito il testo

“Appello per il SÌ all’iniziativa per il diritto di voto attivo e passivo per tutti i cittadini di Basilea Città!

Siamo persone attive nella comunità italiana di Basilea Città: una comunità di lunga tradizione, che con i suoi circa 15‘000 cittadini è la più numerosa tra le collettività immigrate di questo Cantone. Il nostro lavoro ha contribuito in misura significativa al benessere economico di questa regione. Abbiamo dato e diamo tuttora un apporto notevole alla vita culturale e sociale di Basilea. Anche grazie a noi la cultura italiana si è ormai diffusa e radicata in questo Cantone nelle sue molteplici espressioni dell’arte, dello stile di vita, della tradizione culinaria.

Molti italiani che risiedono a Basilea hanno deciso di naturalizzarsi, altri preferiscono mantenere unicamente lo status di cittadini italiani appartenenti all’Unione Europea. Siamo convinti che occorra ulteriormente facilitare il percorso della cittadinanza per quanti nascono e crescono in questo Paese, superando i residui ostacoli che la procedura di naturalizzazione comporta.

E tuttavia, con o senza cittadinanza, gli italiani di Basilea progettano ormai qui il loro futuro e quello dei figli. Per questa ragione sosteniamo le iniziative di integrazione che il Cantone positivamente porta avanti nel campo sociale, culturale e formativo. Ma l’integrazione non può realizzarsi a pieno se non include anche il diritto di partecipazione politica e quindi il coinvolgimento nei processi politici ed amministrativi degli immigrati che da anni risiedono, lavorano e pagano le tasse nel nostro Cantone. Il diritto di votare ed essere rappresentati a livello cantonale è in questo senso un passaggio fondamentale.

A nostro avviso una democrazia moderna ed inclusiva, come si vanta giustamente di essere quella realizzata in Svizzera, deve avvalersi del contributo di tutti i cittadini, in particolare a livello del Cantone, l’istanza del sistema federale che organizza e gestisce servizi di fondamentale interesse per i cittadini svizzeri ed immigrati.

Noi siamo dell’idea che, in presenza di massicci fenomeni migratori e di mobilità, occorra ripensare la democrazia, coinvolgendo il più ampio numero di cittadini nei processi di partecipazione. In alcune realtà cantonali e comunali questo avviene già da anni e si è ormai radicato nella pratica democratica. Rimandando la questione nel tempo corriamo il rischio di una democrazia dimezzata, privilegio di una sempre più ridotta percentuale di cittadini. Si tratta in definitiva di contribuire tutti insieme allo sviluppo e al completamento del processo democratico a livello cantonale!

Per queste ragioni rivolgiamo un appello a votare un doppio SÌ all’iniziativa del prossimo 26 settembre per il diritto di voto attivo e passivo per tutti i cittadini di Basilea Città senza distinzione di passaporto!”

(*) Paola Gallo, Cesidio Celidonio, Marco Minoletti, Claudio Marsilii, Antonio Arcuri, Alessandro Calaprice, Roger Nesti, Rocco Burdino, Angelo Berardini, Nicoletta D'Alessandro, Aniello Olivio, José Siliézar, Alicia Siliézar, Marco Ronzani, Francesca Casada, Rosetta Visentin, Gino d'Intino, Sergio Figini, Carla Palmero Figini, Margherita Bollettini, Rosa Sollberger, Simona Celidonio, Nella Sempio, Armando Bee, Anja Bee, Tiziano Franzoi, Paola Carcano, Katja Gennarini, Serapiglia Angelo, Tanino Cadeddu, Luca Palumbo, Jo Varsalona, Carmelo Mazzeo, Giovanni Berardi. Il sito del Comitato promotore dell’iniziativa http://www.auslaenderstimmrecht-bs.ch/ ( Inform )


Vai a: