direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Approvato il disegno di legge di ratifica ed esecuzione dell’Accordo di dialogo politico e di cooperazione tra l’Unione europea e Cuba

SENATO DELLA REPUBBLICA

 

Il testo illustrato in aula dal relatore Alberto Airola

 

ROMA – Il Senato ha approvato il disegno di legge di ratifica ed esecuzione dell’Accordo di dialogo politico e di cooperazione tra l’Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e la Repubblica di Cuba, dall’altra, fatto a Bruxelles il 12 dicembre 2016, già approvato dalla Camera dei deputati.

Ad illustrare il provvedimento in aula il relatore Alberto Airola, che spiega come esso sia “finalizzato alla promozione delle relazioni tra l’Unione europea e Cuba, anche in considerazione dei saldi legami storici, economici e culturali esistenti tra le parti, così da incoraggiare il processo di transizione verso una democrazia pluralistica e il rispetto dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, nonché di favorire il miglioramento delle condizioni di vita del popolo cubano, prevedendo l’intensificazione del dialogo politico, l’aiuto umanitario e azioni mirate di cooperazione economica a sostegno dell’attuazione dell’apertura economica”.

L’Accordo in esame – prosegue il relatore – fornisce la base per un’azione comune su questioni internazionali e in consessi multilaterali e stabilisce i principi e gli obiettivi generali delle relazioni tra l’Unione europea e Cuba, prevedendo una struttura istituzionale per la sua gestione. Il testo è suddiviso in 5 parti, la prima è relativa alle disposizioni generali, ai principi e agli obiettivi dell’Accordo; la seconda al dialogo politico, e ne indica gli obiettivi stabilendo la gamma di settori strategici comuni, fra cui i diritti umani, il commercio illegale di armi, il disarmo, la lotta contro il terrorismo, contro la tratta di esseri umani e il traffico di migranti. La terza parte è  dedicata alla cooperazione e al dialogo strategico settoriale, e la parte quarta agli scambi e alla cooperazione commerciale, e si prefigge in particolare il rafforzamento delle relazioni economiche e commerciali, la promozione dell’integrazione di Cuba nell’economia mondiale, il rafforzamento del contributo del commercio sostenibile e il sostegno alla diversificazione dell’economia cubana, in un clima di miglioramento per gli investimenti.

Dall’attuazione del provvedimento – conclude Airola, – non derivano nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

Nel corso delle dichiarazioni di voto gli interventi di Alessandro Alfieri, per il Pd, che sottolinea come sarebbe stato opportuno adottare un accordo di analoga cornice anche nei rapporti con la Cina; Enrico Aimi (Fi), che ribadisce il sì al provvedimento, motivato dagli impegni in esso contenuti sui temi della democrazia, dei diritti umani e del buon governo; e di Marinella Pacifico (M5S) che si sofferma sulla “sintesi dei valori europei” contenuta nell’Accordo che tende da un lato al “rafforzamento e all’allargamento dei diritti dell’uomo” e, dall’altra, all’agevolazione del sistema economico cubano, “anche invitando il Paese caraibico a diversificare la produzione ed a rimuovere tutti gli ostacoli tecnici”. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes