direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Approvato dall’Aula il Trattato di estradizione e l’Accordo di mutua assistenza amministrativa in materia doganale con il Cile

SENATO DELLA REPUBBLICA

Il disegno di legge di ratifica ed esecuzione, già approvato dalla Camera dei deputati, illustrato da Pier Ferdinando Casini

 

ROMA – Il Senato ha approvato il provvedimento di ratifica ed esecuzione del Trattato di estradizione con il Cile fatto a Roma il 27 febbraio 2002, con Protocollo addizionale, fatto a Santiago il 4 ottobre 2012 e dell’Accordo di mutua assistenza amministrativa per la prevenzione, l’accertamento e la repressione delle infrazioni doganali con il Cile fatto a Bruxelles il 6 dicembre 2005.

Il disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati, è stato illustrato in Aula da Pier Ferdinando Casini, in qualità di relatore. Per quanto riguarda l’estradizione, essa è prevista per fatti punibili con una pena minima superiore ad un anno e per l’esecuzione di una condanna definitiva con una pena residua di almeno sei mesi e può essere negata per reati politici e per quelli che palesino nei confronti della persona richiesta un fumus di discriminazione. In nessun caso – precisa il relatore – alla persona estradata potrà essere applicata la pena di morte. Viene inoltre stabilito il cosiddetto principio di specialità, in base al quale la persona estradata non può essere perseguita, salvo alcune eccezioni, da parte dello Stato richiedente per reati commessi anteriormente alla consegna e diversi da quelli oggetto della richiesta di estradizione. Possibile anche una procedura semplificata di estradizione, previo consenso della persona interessata.

L’Accordo riguarda invece la cooperazione e la mutua assistenza amministrativa in materia doganale, attraverso lo scambio di informazioni su importazione ed esportazione di merci. L’assistenza – precisa Casini – può essere rifiutata o differita in caso pregiudichi la sovranità, la sicurezza o gli interessi vitali del Paese. Gli oneri complessivi del provvedimento sono valutati in circa 38.000 euro annui, di cui circa 23.000 euro per il Trattato di estradizione e circa 15.000 euro per l’Accordo di cooperazione doganale.

L’Aula procede quindi alla votazione e approva il provvedimento. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes