direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Approvate dalle Commissioni Affari costituzionali ed Esteri due risoluzioni sul rilascio della carta d’identità elettronica ai cittadini italiani residenti all’estero

CAMERA DEI DEPUTATI

Presentate da Simone Billi (Lega, ripartizione Europa) e Fucsia FitzGerald Nissoli (Fi, ripartizione America settentrionale e centrale), impegnano il Governo a sostenere e incentivare la procedura di realizzazione della carta di identità elettronica per i connazionali residenti all’estero

ROMA – Le Commissioni Affari costituzionali e Affari esteri della Camera dei deputati hanno esaminato, discusso ed approvato due risoluzioni sul rilascio della carta d’identità elettronica ai cittadini italiani residenti all’estero, la prima di Simone Billi (Lega, eletto nella ripartizione Europa), presidente del Comitato sugli italiani nel mondo e la promozione del sistema Paese, e la seconda a prima firma di Fucsia FitzGerald Nissoli (Fi, ripartizione America settentrionale e centrale).

Nel corso dell’ultima seduta Nissoli ha illustrato la sua risoluzione e sottolineato come essa ampli la portata della prima – già illustrata in una precedente seduta, – prevedendo la possibilità anche per i cittadini italiani residenti in Paesi extra Unione europea di richiedere la carta d’identità elettronica nei rispettivi consolati. Per l’esponente azzurra, inoltre, la carta d’identità elettronica darebbe “un chiaro segnale di modernità ed efficienza della pubblica amministrazione e fornirebbe ai nostri connazionali, attraverso l’utilizzo del sistema Spid, un utile strumento per svolgere pratiche burocratiche direttamente da casa, alleggerendo l’onere a carico degli uffici consolari”.

Esprime parare favorevole sulla risoluzione il sottosegretario all’Interno, Stefano Candiani, che chiede però una riformulazione relativa alla dicitura di “Paesi extra Unione Europea”, chiedendo di aggiungere anche la specifica “che riconoscono la carta d’identità ai fini della libera circolazione”.

Nel suo intervento, Billi ringrazia il Governo e i colleghi per il sostegno alla sua risoluzione, che impegna l’esecutivo “ad assumere ogni iniziativa di competenza atta a sostenere e incentivare la procedura di realizzazione della carta di identità elettronica per i cittadini italiani residenti all’estero”.

Quella presentata da Nissoli, e approvata con la riformulazione chiesta dal sottosegretario Candiani, impegna il Governo “a portare a conclusione il piano operativo che consente di estendere le procedure di realizzazione della carta di identità elettronica e del sistema Spid ai cittadini italiani residenti all’estero”, siano essi residenti in Ue o nei Paesi extra Ue che riconoscono la carta d’identità ai fini della libera circolazione e iscritti all’Aire; di “assicurare le risorse necessarie e a definire le modalità organizzative tecniche, affinché i consolati italiani all’estero, anche nei Paesi extra Ue, possano emettere la Cie, con modalità di consegna che non prevedano maggiori costi, nonché a velocizzare il crono-programma predisposto dai Ministeri competenti per il rilascio della Cie all’estero, al fine di procedere all’integrazione dei sistemi informatici della rete consolare e completare la fase di sperimentazione prevista”; a “consentire ai nostri connazionali la possibilità di presentare domanda di rilascio della Cie presso il comune di iscrizione Aire, durante il loro soggiorno in Italia, secondo le istruzioni governative agli Uffici anagrafe dei comuni”. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes