direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Aperta a Villa Umbra la decima edizione del corso in progettazione europea

FORMAZIONE

PERUGIA – Al via la decima edizione del corso “Finanziamenti europei: progettare nella programmazione 2014-2020” promosso da Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica in collaborazione con Seu, Servizio Europa. Il corso presenta un’offerta formativa completa, focalizzata sulle tipologie dei finanziamenti comunitari con particolari approfondimenti sulle tematiche socio-culturali. Temi che saranno approfonditi da tre docenti: Andrea Pignatti, formatore esperto in progetti europei sia a livello progettuale che gestionale, docente presso il Dipartimento di Lingue di Scuole Civiche di Milano, Fondazione di Partecipazione, nominato il 19 maggio 2011 “docente di chiara fama” con Decreto n. 118 del 2011 del Presidente dalla Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri; Monica Monti, formatrice esperta di progettazione comunitaria e di gestione di progetti internazionali; Lara Natalini, europrogettista senior, specializzata su programmi a gestione diretta in particolare su cultura, giovani e cittadinanza.

   “Parte oggi – ha sottolineato Pignatti – la decima edizione di un corso importante, che in questi anni ha registrato la partecipazione di oltre duecento Enti. Questa edizione dedicherà particolare attenzione al settore socio culturale, soffermandosi sulle opportunità ancora aperte nella programmazione 2014-2020, e darà uno sguardo alla futura programmazione 2021-2027. Si tratta – ha aggiunto – di un corso strategico perché prepara i partecipanti ai prossimi due bandi che usciranno in autunno, ossia programma Erasmus Plus ed Europa Creativa, entrambi riguardanti i settori socioculturali, e perché consente di costruire una programmazione capace di intercettare i prossimi finanziamenti europei. Con la nuova programmazione, infatti, aumenteranno a favore dell’Italia i finanziamenti per le politiche di coesione, per il settore cultura e per il programma Erasmus Plus. Per quest’ultimo, è già noto che la proposta di budget prevede il raddoppio delle risorse, passando da 14 a 30 miliardi”. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes