direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

All’Italia il comando della componente terrestre della Nato Rapid Deployable Corps

MINISTERO DELLA DIFESA

Il passaggio di consegne alla caserma “Ugo Mara” di Solbiate Olona

 

VARESE – Si è svolta alla caserma “Ugo Mara” di Solbiate Olona la cerimonia per il passaggio di consegne tra tra l’Allied Rapid Reaction Corps (ARRC) a guida britannica, comandato dal Generale di Corpo d’Armata Tim Radford, e il Nato Rapid Deployable Corps – Italy (NRDC-ITA) comandato dal Generale di Corpo d’Armata Roberto Perretti.

Erano presenti il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Danilo Errico, il Comandante del Comando Operativo Alleato Interforze di Brunssum in Olanda, Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina e il Comandante del Comando Terrestre Alleato (LANDCOM) – Generale di Corpo d’Armata Darryl A. Williams.

È la quarta volta che l’NRDC assume la guida della componente terrestre (Land Component) della Nato Response Force. L’NRDC – si legge nella nota diffusa dal Ministero della Difesa in proposito – ha completato un periodo di preparazione e addestramento di oltre un anno prima di essere dichiarato “combat ready” in occasione dell’esercitazione “Brilliant Ledger 2017” che ha visto impegnati a Solbiate Olona e Bellinzago Novarese oltre 1000 militari provenienti da 15 nazioni della Nato e 85 unità delle Forze Armate italiane.

Il NATO Rapid Deployable Corps – Italy è un Comando multinazionale con sede a Solbiate Olona e alle dipendenze del Comandante Supremo delle Forze Alleate in Europa (SACEUR). L’Italia ne è la nazione guida e fornisce circa il 75% del personale. Il rimanente 25% è costituito da militari provenienti da altre dodici nazioni: Albania, Bulgaria, Francia, Germania, Grecia, Paesi Bassi, Slovenia, Spagna, Turchia, Regno Unito, Stati Uniti e Ungheria per un totale di circa 400 uomini e donne. Prossimamente, altre 4 nazioni: Canada, Lettonia, Lituania, e Romania entreranno a far parte del Comando portando così a diciassette il numero dei paesi contributori.

La NATO Response Force, creata nel 2002, a seguito delle decisioni assunte nel vertice del Galles del 2014, l’Nrf è stata potenziata con un’aliquota di forze in altissima prontezza denominata Very High Readiness Joint Task Force (VJTF), estremamente flessibile e modulare, capace di spiegarsi con immediatezza. (Inform)

Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes