direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Al Museo alla Lagerhaus di San Gallo la mostra “Antonio Ligabue – il Van Gogh svizzero”

MOSTRE

L’allestimento, che sarà inaugurato il 1° aprile, è proposto in collaborazione con l’Università, la Società Dante Alighieri, il Comites, il Centro Culturale Italiano San Gallo e con il contributo del Maeci

 

SAN GALLO – Verrà inaugurata il 1° aprile alle ore 18.30 presso il Museo alla Lagerhaus di San Gallo la mostra “Antonio Ligabue – il Van Gogh svizzero” allestita in collaborazione con l’Università di San Gallo, la Società Dante Alighieri, il Comites e il  Centro Culturale Italiano San Gallo e con il contributo della Direzione generale per gli Italiani all’estero e le Politiche migratorie dl Maeci.

Nel maggio del 1919, Antonio Ligabue (1899-1965), cresciuto nella Svizzera Orientale, viene espulso dalla Confederazione e “inviato” a Gualtieri (Reggio Emilia), il paese d’origine del patrigno. Non comprende né la lingua né la cultura del posto e per lunghi anni vive quasi come un selvaggio. La sua opera l’ha reso famoso e Antonio Ligabue, il Van Gogh del suo tempo, viene oggi  ospitato nella sua “patria perduta” San Gallo.

L’allestimento, visitabile fino al prossimo 8 settembre, sarà affiancato da una serie di iniziative dedicate al pittore. Il 2 aprile alle ore 18.30 il Museo Lagerhaus ospiterà la conferenza di Sandro Parmiggiani (Reggio Emilia), conoscitore ed esperto di Ligabue, co-curatore della mostra, intitolata “Dall’esilio alla patria perduta, da Gualtieri a San Gallo” – in lingua italiana. Seguirà il 5 e 6 aprile il dramma scenico “Un bacio” di Mario Perrotta, con Marco Michel, premiato a New York come miglior “Best International One Man –Show” 2018.

Il 24 aprile alle ore 18 l’Università di San Gallo propone il film di Salvatore Nocita “Antonio Ligabue – fiction e realtà” (2009), mentre il 7 maggio alle ore 18.30 al Museo è prevista la conferenza in lingua tedesca di Renato Martinoni, professore emerito dell’Università di San Gallo e biografo di Ligabue, intitolata “Gli anni svizzeri di Antonio Ligabue (1899 – 1919)”. Infine, il 21 maggio e il 2 luglio è prevista la passeggiata “Sulle orme sangallesi di Antonio Ligabue” con lo storico e archivista cittadino Marcel Mayer nella cosiddetta “Klein Venedig”, attraverso la storia degli italiani a San Gallo (con traduzione in italiano). Il punto di incontro è alle ore 18 presso la stazione di St. Fiden. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes