direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Ad Amburgo i festeggiamenti per l’829° anniversario dell’apertura del porto

EVENTI

L’IIC segnala gli eventi per il compleanno dello scalo, considerato il più grande festival portuale al mondo

 

AMBURGO – La città di Amburgo ha celebrato quest’anno l’829° anniversario dell’apertura del suo porto, occasione nella quale Hafencity e i 4 chilometri del Landungsbrücken sono diventati teatro di numerosi eventi, tra sfilate di velieri di ogni genere, nonché simboli di varie epoche mondiali, e tante altre attrazioni.

Musica, balli, stand gastronomici, parate di barche e il grande spettacolo pirotecnico del sabato sera hanno attirato molti spettatori, che hanno potuto assistere a spettacoli artistici d’ogni tipo, compresi aerei in danza, paracadutismo e viaggi in mongolfiera.

Il porto di Amburgo è il più importante di tutta la Germania, il secondo in Europa, ed è ben collegato con la città da un efficiente servizio di trasporto pubblico. Per la sua posizione geograficamente strategica la città viene soprannominata Das Tor zur Welt (La porta sul mondo).

Il porto risale al 1189, quando l’imperatore Federico Barbarossa emise una carta di concessione di libertà dai dazi doganali per tutte le navi a vela sull’Elba da Amburgo al Mare del Nord, decretandone di fatto l’apertura libera. Negli ultimi anni la festa del compleanno del porto ha raggiunto la quota di un milione di presenze ed è considerato il più grande festival portuale al mondo.

I festeggiamenti si sono aperti ufficialmente alle ore 14.30 del giovedì scorso con la celebrazione della messa ecumenica internazionale nella Chiesa di San Michele (St. Michaelis) alla presenza delle autorità cittadine. Insieme al Pastore Alexander Röder, hanno concelebrato 5 pastori e sacerdoti appartenenti a nazioni diverse. Il motto della messa quest’anno è stato: “La speranza è l’ancora del mondo”. Prima della messa il senatore all’economia, trasporti e innovazione, Frank Horch, ha fatto un discorso introduttivo e salutato il Paese-partner che quest’anno é stato il Sud Africa, che ha esposto i propri prodotti negli stand della Kehrwiederspitze, dove si  sono potute gustare le specialità tipiche: nei piatti  nazionali non è mancato l’ hamburger di struzzo e il famoso biltong, ovvero, la carne essiccata e stagionata; il tutto, innaffiato con vino e birre locali. L’Italia – ricordo la nota diffusa in proposito dall’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo – ebbe il privilegio di essere scelta come Paese-partner nel 2013 dando così inizio alla collaborazione per la costruzione dell’ “Italia in miniatura” presso il museo “Miniaturwunderland” di Amburgo, che è stata poi inaugurata durante la festa del porto del 2017.

A bordo della nave museo Rickmer Rickmers ormeggiata al Landungsbrücken il sindaco della città Peter Tschentscher ha inaugurato ufficialmente i festeggiamenti della 829esima edizione della festa, con la parata di apertura di circa  300 navi e velieri. La parata di chiusura è stata accompagnata dalla danza di alcuni rimorchiatori.

Possibili anche le visite a bordo di imbarcazioni speciali: dalle maestose Kruzenshtern, Mir, Sedov e Alexander von Humboldt II, alle navi-museo restaurate con cura, come i rimorchiatori marittimi Elbe e Holland e il faro Borkumriff sono state davvero interessanti e numerose. E, ancora, la fregata Augusta, le navi di servizio della polizia delle vie navigabili, i vigili del fuoco, le dogane e altre autorità e istituzioni.

Non sono mancate emozioni come le gare di dragon boat e le regate di vela presso la parte del porto Grasbrookhafen e il concerto open-air della Elbphilarmonie, novità di questa edizione 2018.

L’IIC segnala in particolare il concerto di Armando Quattrone, calabrese e residente in Amburgo, che ha unito tarantella e reggae entusiasmando sia il pubblico tedesco che quello italiano. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes