direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Zurigo “Ladri di biciclette” di Vittorio De Sica e “La terra trema” di Luchino Visconti

CINEMA ITALIANO

Proiezioni al Filmpodium, nell’ambito della retrospettiva “Il primo secolo del cinema”

ZURIGO (Svizzera) – Nell’ambito della retrospettiva “Il primo secolo del cinema”, il Filmpodium di Zurigo – segnala l’Istituto Italiano di Cultura – presenta due classici del Neorealismo italiano prodotti nel 1948, quando gran parte dell’Europa è ancora distrutta dalla guerra: “Ladri di biciclette” di Vittorio De Sica e “La terra trema” di Luchino Visconti. Il Neorealismo cinematografico italiano raggiunge infatti in quegli anni il suo apice. De Sica racconta una storia commovente e semplice, espressione della grande miseria del dopoguerra in Italia, mentre Visconti rappresenta la drammatica lotta dei pescatori siciliani contro lo sfruttamento, ispirata a “I Malavoglia” di Giovanni Verga.

Ladri di biciclette” sarà proiettato il 17 aprile alle ore 18.15, il 18 aprile alle ore 20.45 e il 21 aprile  alle  ore 15.00

Derubato della bicicletta, indispensabile per il lavoro appena trovato, disoccupato va col figlioletto alla ricerca del ladro attraverso la Roma del dopoguerra, incontrando solidarietà, indifferenza, aperta ostilità. Tratto dal romanzo omonimo di Luigi Bartolini (1945), è con Umberto D (1952) il risultato più alto del sodalizio De Sica-Zavattini e uno dei capolavori del neorealismo, quello che con Roma, città aperta (1945) fu più conosciuto all’estero. L’amore per i personaggi diventa vera pietà, la poesia del quotidiano non nasconde la realtà sociale. Oscar speciale 1949. Sergio Leone giovane compare vestito da seminarista.

“La terra trema” sarà proiettato il 30 aprile alle ore 17.30, il 2 maggio alle ore 20.45 e il 4 maggio alle ore 15.00

Il film presenta la storia di una famiglia di pescatori siciliani, sfruttati nella loro miseria dai commercianti grossisti. Decisi a lottare contro l’oppressione, ipotecano la casa per comperare una barca e lavorare in proprio. Ma anche gli elementi sono avversi; in una notte di tempesta, la barca si rovina. Perduta la casa, la famiglia si disgrega; i miseri si riducono ad una condizione di vita anche peggiore, e devono riprendere l’ingrato lavoro, subendo, senza più speranza, quello che a loro appare un destino ineluttabile.

Indirizzo del Cinema Filmpodium: Nüschelerstrasse 11, Zurigo. (Inform)

Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes