direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Vicenza gli studenti scoprono la storia dell’emigrazione veneta attraverso il genio dell’artista veneto-brasiliano Candido Portinari

ITALIANI ALL’ESTERO

VENEZIA – Circa 300 studenti degli istituti superiori di Vicenza “Antonio Canova”, I “S. Bertilla Boscardin” e “Bartolomeo Montagna” hanno avuto come docente per un giorno il professor Joao Candido Portinari, figlio del pittore brasiliano Candido Portinari, il più noto artista del paese carioca. Le opere e il percorso storico e artistico di Candido Portinari, figlio di una ragazza di Bassano, Domenica Torquato, e di GiovanBattista, bracciante agricolo di Chiampo emigrato nelle piantagioni di caffè del ‘nuovo mondo’, diventato gloria nazionale del Brasile e ‘ambasciatore’ dell’arte sudamericana nel Palazzo di Vetro dell’Onu di New York con il monumentale pannello “Guerra e Pace”, hanno offerto un’avvincente testimonianza della storia dell’emigrazione veneta e della vivacità dell’esperienze culturali create dai ‘veneti nel mondo’

“Ringrazio la fondazione “Projeto Portinari” e la dirigenza e docenza dei tre istituti vicentini – commenta, a distanza, Elena Donazzan, assessore all’istruzione e formazione della Regione Veneto – per aver creato questa opportunità didattica, che si colloca in piena sintonia con i nuovi indirizzi scolastici adottati in Veneto per promuovere, tra le materia di interesse regionale, la conoscenza della storia dell’emigrazione veneta. Il successo artistico e sociale di Candido Portinari, scomparso 55 anni fa, al quale il Brasile ha intitolato vie, piazze, parchi, scuole, auditorium dedicandogli anche una banconota, è l’emblema della straordinaria avventura umana, sociale ed economica dei veneti e della loro apertura al mondo, nonchè lo specchio di quell’intraprendenza e tenacia che contraddistingue la storia dell’emigrazione italiana tra Otto e Novecento”.

“Le grandi figure dei veneti nel mondo come Candido Portinari diventeranno familiari anche nei programmi scolastici dei bambini e dei ragazzi veneti – conclude Donazzan – superando i confini delle terre vicentine che hanno dato i natali ai suoi intraprendenti genitori”. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes