direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Stoccarda riunione del Consiglio Nazionale delle ACLI Germania

ASSOCIAZIONI

STOCCARDA – Il 26 gennaio scorso, ha avuto luogo la prima riunione del 2019 del Consiglio Nazionale delle ACLI Germania nei locali del Bischof-Leiprecht-Zentrum di Stoccarda. Particolarmente importanti i punti all’ordine del giorno trattati nel corso della conferenza; primo fra tutti la chiusura del Tesseramento 2018.

Come da lettera di convocazione, inviata dal Presidente del Consiglio, Dr. Riccardo Cecchi, i lavori sono cominciati con la lettura dell’ordine del giorno e con la recita del Padre Nostro, diretta dal Presidente delle ACLI Germania D. Zanibellato, che,  dopo aver salutato i convenuti, fatta rilevare  la regolarità della seduta, e lette le giustificazioni giunte,  ha annunciato  i vari punti all’ordine del giorno.

Presenti Consiglieri provenienti dal Baden-Württemberg, dalla Baviera e dal Nordreno-Westfalia, tra cui: Duilio Zanibellato, Giuseppe Tabbì, Giuseppe Sortino, Carmine Macaluso, Elio Pulerà, Fernando A. Grasso, Daniela Bertoldi, Mauro Sansone, Barbara Eberle, Maria Galitelli,  Norbert Kreuzkamp e Calogero Mazzarisi.

Passando quindi al secondo punto dell’ordine del giorno: Tesseramento 2019, sono state presentate le novità inerenti alle nuove modalità: registrazione dei soci attuali su liste Excel, moduli per l’iscrizione dei nuovi aderenti e informazioni riguardanti la protezione dati.

Al terzo punto dell’ordine del giorno, per il quale hanno preso la parola Daniela Bertoldi e Maria Galitelli, sono stati resi noti e trattati gli attuali sviluppi del Patronato ACLI in Germania e sono state chiarite diverse situazioni venutesi a creare in seguito alla chiusura della sede di Augsburg e alla successiva – seppur ridimensionata – apertura di una presenza regolare, presso una struttura amica, sulla quale ha riferito anche Patrizia Mariotti.

Anche il quarto punto, concernente le elezioni europee e azioni della FAI, è stato ampiamente trattato, e con interventi dei Presidenti Zanibellato, Sortino, Tabbì e Macaluso e così pure da parte di altri Consiglieri.

Per il quinto punto, riguardante la necessità di una formazione dei futuri quadri dirigenti, c’è stato anche un momento di confronto.

Momenti di confronto, ripresi soprattutto tra le varie e eventuali, che sono stati integrati con ulteriori interventi, soprattutto, dopo una breve pausa pranzo offerto dalle ACLI del Baden-Württemberg agli intervenuti nella nota Taverna da Pagano.

Nel primo pomeriggio, rinvigoriti dai cibi genuini del  locale – il proprietario del quale ha ricevuto i complimenti da parte degli Aclisti – sono stati  quindi riproposti e ridiscussi  rapidamente alcuni dei punti più importanti dell’ordine del giorno. Come la distribuzione delle quote tessere tra le realtà locali, regionali, nazionali, KAB e FAI, e del loro importo a livello locale. A  proposito della quota, appunto, richiesta dalle Presidenze locali ai propri iscritti, Daniela Bertoldi,  parlando anche di previsti sconti per servizi a pagamento a tesserati ACLI, ha espresso i suoi dubbi sulla correttezza della riduzione a tesserati che pagano alla propria struttura 15 euro per l’adesione e ad altri che ne sborsano 30 e più. Per ciò che riguarda, invece, come detto sopra, la distribuzione delle quote da dividere tra le varie strutture, Carmine Macaluso ha auspicato un aumento delle quote in favore delle realtà regionali.

Successivamente Kreuzkamp, e Zanibellato rispondendo, anche, a quanto richiesto da Grasso, sull’attuale situazione ACLI / KAB e sul relativo importo da versare al Movimento Tedesco, hanno dato notizie riguardanti anche i primi passi mossi insieme dalla due Associazioni e dalla situazione di adesso – in cui noi, ACLI, siamo inseriti come altre strutture  in questo Movimento Tedesco. Concludendo il punto, da più parti è stata avanzata la proposta di convocare una conferenza ristretta fra le due Organizzazioni per fare il punto sull’attuale stato dei rapporti, tenendo conto delle incombenti elezioni europee che terranno impegnati nei prossimi mesi le nostre Organizzazioni.

Infine, dopo altri brevi richieste di chiarimenti e di scambi di idee ed informazioni, l’incontro,  che era iniziato dopo le 10:00 a causa del maltempo, è terminato, come era stato preannunciato all’inizio dei lavori, alle 16:30. Anche per consentire un ragionevole rientro in sede ai consiglieri provenienti  dai luoghi più distanti.  (Fernando A. Grasso – Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes