direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Roma la giornata di studi “La cultura italiana, la Società Dante Alighieri e l’antisemitismo italiano”

SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI

Scoperta una lapide che revoca l’atto di espulsione dei soci di origine ebraica avvenuta a seguito della promulgazione delle leggi razziali in Italia

 

ROMA – Nel corso della giornata di studi “La cultura italiana, la Società Dante Alighieri e l’antisemitismo italiano”, svoltasi nella sede centrale romana della Dante lunedì scorso, è stata scoperta una lapide che revoca l’atto di espulsione dei soci di origine ebraica avvenuta a seguito della promulgazione delle leggi razziali in Italia. “La Società Dante Alighieri a 80 anni dalla promulgazione delle leggi razziali revoca l’atto di espulsione di Guido Belforte, Aldo Levi, Giulio Mondolfo, Elio Morpurgo, Ida Norlenghi e di tutti i soci di origine ebraica”: così recita la targa scoperta dal presidente della Società Dante Alighieri, Andrea Riccardi, dal rabbino capo di Roma Riccardo Di Segni e dalla presidente della Comunità ebraica di Roma Ruth Dureghello. Presente anche Roberto Ameruso, sindaco di Tarsia, in provincia di Cosenza, che ha dedicato un Parco letterario allo psicoanalista Ernst Bernhard, internato nel capo di concentramento Ferramonti. Ad alcuni discendenti di ebrei espulsi è stato consegnato un diploma che dichiara i loro parenti soci perpetui della Dante. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes